Vancouver: con il drone ritrova la moto che gli hanno rubato

0

11713225Determinazione, capacità e fiuto: questi gli ingredienti che hanno consentito a Ryan Sandnes, trentaseienne di Vancouver, di ritrovare la moto da cross che gli hanno rubato usando un drone. Non che fosse una moto nuova fiammante, era una Honda CR250 vecchia di ventidue anni, ma Ryan ci era affezionato. Così ha preso il suo drone (un 3DR Solo con una GoPro, il Phantom nelle foto sopra non c’entra nulla) è salito ben oltre qiello che la FAA concede, 400 piedi (circa 120 metri) e ha ritrovato il cator… ehm, la
moto, nascosta dal ladro nei boschi.

Oltre al drone, nel fortunoso recupero ha giocato un ruolo non secondario una seconda camera, montata sulla moto e regolata in modo da inviare immagini proprio nel caso in cui qualcuno si prenda in prestito la moto senza chiedere il permesso. La security cam della moto ha consentito a Ryan di restringere l’area delle ricerche, cosa importantissima visto che era fuori città quando gliel’hanno fregata, e se ne è accorto solo qualche giorno dopo. dall’analisi dei filmati della cam sulla moto e da quella di sicurezza di casa sua ha capito che il ladro dopo aver preso la moto è tornato pochi minuti dopo per cercare di rubargli anche il quad, ma senza riuscirci. Oltretutto non aveva le chiavi della moto e non è riuscito a metterla in moto, quindi Ryan ha concluso che l’ha spinta a forza di braccia,



Ryan ha avvisato la sua rete online di appassionati di droni del tentativo di recupero dall’alto, senza nutrire però grandi speranze di trovarla davvero. Però considerando che dal furto della moto al tentato furto del quad era passato circa un quarto d’ora, e che la Honda pesa più di un quintale, ha immaginato che non avesse fatto poi molta strada.

 

791 visite


Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: