La pillola abortiva arriva con il drone

0

Rebecca Gompert, la ginecologa olandese famosa per aver aiutato ad abortire con la pillola abortiva Ru 486, che interrompe una gravidanza entro i primi due mesi di gestazione le donne nei paesi dove ciò è proibito, rilancia e ha fatto sapere di aver fornito le pillole a donne polacche sganciandole da un drone.
Già nel 1999 l’organizzazione della dottoressa Gompert, WoW (acronimo di  Women on Waves – Donne sulle onde) aveva organizzato una clinica mobile su una nave che dalle acque internazionali offriva aborti non chirurgici alle donne in difficoltà.

I droni con a bordo le pillole abortive sono decollati dalla Germania e hanno raggiunto le pazienti in Polonia e altre nazioni dove l’aborto è proibito o sottoposto a severe restrizioni.  “Eravamo partiti con la nave per aborti, che raccoglieva su prenotazione le donne a terra e le portava in alto mare per l’intervento” ha detto la ginecologa olandese, “Ma avevamo ricevuto oltre 100 mila email con richieste di intervento ed erano davvero troppe, avevamo bisogno di testare qualcosa di diverso”. Secondo l’organizzazione, non è stata violata nessuna legge ma sono state semplicemente aggirate le norme.

La polizia olandese e tedesca non sono però stesso avviso: il ministero della salute olandese ha aperto un’inchiesta, mentre la polizia tedesca ha fermato il drone diretto in Polonia.

567 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: