Cosa vedere al Roma Drone: ci sarà DJI Matrice M600?

0

DJI scommette sul Roma Drone. E’ attesa una nutrita delegazione dei manager europei del colosso cinese, che sceglie la kermesse romana per presentare al pubblico italiano le sue novità. Tra queste, ci sono buone probabilità di vedere la più intrigante: Matrice M600, l’esacottero professionale  basato sul nuovo controller A3 e Lightbridge 2 con doppio ingresso video che permette di trasmettere il video live ripreso dalla macchina fino a 5 chilometri di distanza. Matrice 600 ha un payload di ben 6 kg e un tempo di volo di 16 minuti, che diventano un notevolissimo 35 minuti se si vola senza payload (posto che serva a qualcosa volare senza, beninteso). Tutte chicche che rendono il Matrice 600 “la piattaforma DJI più facile da usare e più potente mai prodotta”, dichiara il product manager Paulo Pan.

Schermata 2016-05-04 alle 12.17.32

Sotto il cofano
Schermata 2016-05-04 alle 12.19.05In effetti, l’M600 comincia dove finisce l’S1000: se il secondo è “semplicemente” un mezzo per riprese aeree, senza elettronica oltre a quella indispensabile per volare e trasmettere le immagini,  l’M600 (che costa 5.299 euro) è una piattaforma volante integrata progettata per applicazioni industriali e per il cinema, che eredita dal resto del progetto Matrice le numerose interfacce per espanderne facilmente le funzionalità. Dal punto di vista tecnico, la macchina è costruita intorno al flight controller A3, che può essere upgradato ad A3 Plus: in questo caso, grazie ai moduli aggiuntivi, riesce a mantenere la posizione con la precisione dei centimetri (2 cm in orizzontale, 3 in verticale), funzione importantissima per le applicazioni industriali. Il controller A3 è a triplice ridondanza, e compara in tempo reale i dati provenienti da tre set di sensori di volo, compensando eventuali errori o letture inconsistenti.

Disposizione delle batterie dell'M600

Disposizione delle batterie dell’M600

Propulsione dedicata e sei batterie
L’M600 ha un sistema di propulsione progettato apposta per lui, una versione speciale dell’E2000 (e quindi non è compatibile con l’E2000 standard). La macchina ha sei pacchi di batterie a bordo, che possono essere controllate dalla nuova app di pilotaggio. Nel caso di guasto di una batteria, questa vene automaticamente esclusa senza che ciò influisca sulla missione.

536 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: