Droni impiegati per salvare i cerbiatti dalla falciatura

0

Conosciamo tutti l’incredibile apporto che la tecnologia dei droni – sempre più impiegati in questo settore – può apportare alle tecniche di coltivazione. Questa volta, però, l’utilità dei droni si rivela fondamentale per limitare i danni collaterali causati dalla stessa agricoltura, più precisamente quando la falciatura dei campi mette in serio pericolo la sopravvivenza dei cerbiatti nascosti nei prati.

Già, perché in primavera le femmine di cervo nascondono i loro piccoli tra l’erba alta dei campi e si avvicinano solo di rado, per nutrirli. In caso di pericolo, i cerbiatti non scappano via ma tendono a rannicchiarsi ancora più sul terreno, per confondersi nella vegetazione, una tecnica difensiva che si rivela inutile e controproducente quando le falciatrici cominciano la loro opera. Utilizzando i metodi tradizionali, difficilmente l’uomo riesce a scovarli prima che sia troppo tardi, col risultato che queste operazioni finiscono con l’uccidere ogni anno centinaia di cerbiatti.

Utilizzando i droni è invece possibile scovare i cerbiatti prima della mietitura, grazie all’uso della videocamera termica che permette di individuare i corpi caldi all’interno della vegetazione fredda, per questo le operazioni di controllo devono essere effettuate la mattina presto. L’impiego di droni equipaggiati con telecamere termiche permette di individuare e mettere in salvo i piccoli nel 95% circa dei casi.

Il drone sorvola il campo in maniera sistematica, inviando in tempo reale le immagini sul display di controllo. Quando individua un animale, resta in hovering sopra di lui in modo che gli operatori possano raggiungerlo facilmente e occuparsi della sua salvaguardia. Solitamente il cerbiatto viene spostato in un’area limitrofa sicura o, dove possibile, viene coperto con una cassa e si falcia l’area intorno a lui. Secondo i guardiacaccia, presenti durante le operazioni, in questi casi i piccoli riescono sempre a ritrovare le madri e quindi non subiscono significative conseguenze.

1309 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: