Autunno caldo per i droni prosumer, tutte le novità reali o presunte del 2016

0

Si preannuncia una estate prolungata per i droni della fascia prosumer, i principali produttori di velivoli radiocomandati ludico / semi professionali, stanno sfornando anticipazioni e novità che vedremo presto esposti nei principali store elettronici e fisici di tutto il pianeta.

Un autunno caldo, non solo dal punto di vista meteorologico – speriamo – ma anche per il grande fermento che si percepisce nell’aria visto che DJI, Parrot, Gopro,  Yuneec, Wingsland e Zerotech – tutti rigorosamente in ordine alfabetico – hanno proposto o svelato le caratteristiche dei loro nuovi giocattoli.

Si parla quasi sempre di droni per selfie aerei, perché questo pare essere la colonna portante di tutte queste uscite quasi in contemporanea. Si dovrebbe chiamare DJI Mavic, oramai è quasi cosa certa. Girano persino diverse foto anche se provenienti apparentemente tutte dalla stessa fonte. Un quadricottero con braccia ripieghevoli, leggero manovrabile con smartphone o radiocomando moto simile allo Zerotech Dobby, che invece ha già debuttato ed è acquistabile in molti e-store internazionali e molto simile al Wingsland S6, che dovrebbe vedere gli scaffali dei venditori a breve.
Una fascia quelle dei mini droni da seflie aerei che attira i produttori asiatici e di tutto il mondo. Anche se molti dei loro droni da foto e riprese aeree personali, non rientrano nel limite di peso dei fatidici 250 grammi che demarcano la non registrazione obbligatoria negli uffici della FAA americana. Lo Yuneec Breeze un neo debuttante di casa Yuneec Aviation, pesa intorno ai 385 grammi e seppur con dimensioni compatte non ha le braccia a scomparsa.

drone-mambo

Parrot minidrone Mambo con Flypad

Seguono tutto un loro percorso invece,le new entry di Parrot, alcune dedicate espressamente al mercato ricreativo, come i mini drones Mambo e l’ibrido XWing. Interessante il nuovo sistema di controllo per Bebop che sostituirà l’ingombrante SkyController abbinato ad un sistema video FPV per il controllo dei droni ad ala fissa come il Disco o i “vecchi” Bebop2.

L’ultimo nato di casa DJI, quello che pare apparentemente e molto probabilmente si chiamerà davvero così è il DJI Mavic, inutile soffermarsi sulle prestazioni presunte, aspettiamo i dati ufficiali, ma una idea a giudicare dalla foto trapelate in rete, ce la siamo fatta. A proposito delle foto, quella del Mavic è in testa all’articolo, ma pare che l’unica fonte sia quella di Quadcopter Guide, o si tratta di un vero caso di ottimo giornalismo o spionaggio industriale o di un fake colossale che ha certamente dato una consistente visibilità al sito in oggetto.

A proposito di foto rubate e strategia di marketing. La data del 19 settembre diventerà famosa, perlomeno in ambito di color che sono appassionati di droni, fotografia e video riprese, per l’imminente debutto del drone Karma prodotto da GoPro. Qualcuno ha trovato e immesso sul network mondiale le foto del radiocomando marchiato GoPro, qualche altro sito molto sbadato ha addirittura pubblicato per qualche ora, un menu dove si intravedeva una piccola icona raffigurante il Karma. Menu e icona che portano laconicamente a una pagina inesistente. Anni e anni di strategia commerciale, visto che del GoPro Karma se ne parla almeno da un paio di anni, buttati via da un webmaster disattento ?!?

Screen Shot 2016-09-03 at 10.05.24 AM

Quale che sia la verità lo scopo è stato raggiunto e l’ attenzione del pubblico è stata calamitata, non ci rimane che attendere.

Karma-Controller-Front

Il presunto controller (radiocomando) del drone GoPro karma

 

1871 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: