Recensione Dobby, il piccolo drone per i selfie aerei

0

E’ la moda del momento: farsi i selfie con lo smarpthone, durante i viaggi, le vacanze, con gli amici o in presenza di personaggi famosi. Se non c’è nessuno di famoso nei paraggi perché non farsi una bella foto aerea? (in luoghi consoni e non pericolosi ovviamente).

Mini recensione Zerotech Dobby

Cominciano ad essere parecchi i droni, cioè i dispositivi che permettono di fare questo tipo di foto. Perlopiù pilotati dallo smartphone, con una portata limitata a circa 50 metri, sul mercato cominciano a vedersi davvero molte offerte con prezzi variabili dai 300 ai 500 euro.
Non sono giocattoli, e forse nemmeno droni, men che meno aero modelli. Chiamarli gadget  pare riduttivo, dato che al loro interno racchiudono processori che solo qualche anno fa animavano il computer di casa, posseggono sensori ottici, sonar e GPS anche con Glonass, insomma sono piccoli mostriciattoli che stanno nella tasca, e servono proprio a questo, farsi una foto aerea nel momento in cui maggiormente lo si desidera.



drone-dobby-sensori-ottici-e-sonar

Zerotech Dobby, che prezzo ha?

Abbiamo già parlato e recensito lo Zerotech Dobby e oltre al fatto che possiede tutte le caratteristiche di cui sopra, bisogna aggiungere che pesa meno di 200 grammi e che quindi è intrinsecamente poco pericoloso. Bisogna solo fare attenzione alle piccole pale delle eliche. Ha le braccia ripiegabili che finiscono dentro al proprio chassis. La qual cosa lo rende facilmente trasportabile; sta nella tasca dei jeans e pare una saponetta di colore bianco. Molto bello esteticamente e ben realizzato. Si trova su alcuni store nazionali e internazionali a un prezzo compreso tra i 330 e i 350 euro; spedizione e dogana escluse.

drone-dobby-richiuso-700

Cosa possiamo dire di questo Dobby? Che dopo averlo provato, grazie alla gentilezza e all’entusiasmo di un nostro lettore Alessandro Manta, ne siamo risultati estasiati. Perché oltre ad essere bello, fa video e filmati davvero incredibili, se consideriamo le dimensioni della telecamera, tra l’altro orientabile anche verso il basso, con un semplice movimento delle dita, prima di volare.

dobby_164945-700

Parlando con Alessandro che ne esaltava le caratteristiche, abbiamo appreso che ne ha acquistati due e che pur essendo un esperto fotografo, non può fare a meno di averlo nella borsa dei suoi “attrezzi del mestiere”.
Tuttavia bisogna tenere presente  che questi oggetti governati dal WiFi, hanno davvero poca copertura radio e che quindi perderne il controllo è cosa assai semplice. Per contro, una volta smarrita la connessione radio, cadono quasi subito e dato il loro basso peso, finiscono a terra o in acqua senza fare alcun danno.

Nel video in testa all’articolo si vede come il Dobby, sistemato volutamente ad altezza uomo, rimanga nella posizionato correttamente e nella modalità face recognition, svolga con discrezione il proprio lavoro. Quando l’inquadratura offre una minore luminosità, allora il sistema di puntamento non riesce a mantenere inquadrato il soggetto, e occorre qualche correzione a mano.

A proposito di mano: la funzione di decollo e atterraggio con la mano sotto al drone è  davvero simpatica e sicura.

 

dobby_volo_atterraggio-mano-700

1757 visite


Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: