Verizon testa la fornitura della connessione 4G LTE con i droni in caso di emergenza

0

Verizon sta testando negli Stati Uniti la fornitura dei servizi 4G LTE utilizzando i droni per migliorare la copertura della rete o l’utilizzo in emergenza in caso di calamità naturali.

La compagnia di telecomunicazioni e fornitrice di servizi a banda larga Verizon, sta testando in alcuni siti, la fornitura di banda a 4G tramite il montaggio di piccoli ponti ripetitori sopra i droni. Una volta ottenute le debite autorizzazione da parte della Federal Aviation Administration, l’ente che regola lo spazio aereo civile negli USA, sono iniziate le attività sperimentali dal colosso delle telecom nato negli anni 2000 da una fusione tra Bell Atlantic e GTE, attualmente comproprietaria di AOL.

Gli esperimenti hanno come obiettivo la fornitura del servizio LTE, una connessione veloce usata dalla telefonia mobile in 4G, anche su zone poco coperte o nelle quali ci sia la necessità di intervenire con urgenza. Quindi nessuna copertura di aree molto vaste – intere regioni – come per il progetto Aquila di Facebook, ma una più modesta ed efficace copertura locale.
Per questo tipo di prove Verizon ha scelto un drone RS-20 ad ala fissa, cioè un piccolo aereo pilotato remotamente, alimentato con motore a scoppio e con una apertura alare di circa 5 metri, che pesa intorno ai 75Kg. I test sono stati svolti a una quota operativa di 3000 piedi, circa 900 metri, anche se la speciale esenzione ottenuta da FAA permetteva di arrivare sino a 7500 piedi. Le specifiche tecniche del velivolo a pilotaggio remoto, gli permettono di volare fino a una quota di 22.000 piedi con una autonomia approssimativa di 12 / 16 ore.

lte-drone-verizon-ala-fissa

 

 

 

806 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: