Consegne via drone? Cleveron pensa a torri di atterraggio nei giardini privati

0

L’idea di un drone che subito dopo un acquisto online parte da un magazzino non troppo distante da casa e deposita il pacco in un’apposita area del nostro giardino è talmente bella da essere forse impraticabile. Del resto sono ancora molti gli tanti interrogativi che ancora costringono ai box i tanti corrieri e colossi dell’ecommerce che vogliono lanciarsi nel business delle consegne via drone, inclusa la mancanza di spazi o perlomeno “corridoi” aerei riservati ai “droni corrieri”, senza contare l’assenza attuale di un sistema di management del traffico aereo che garantisca standard di sicurezza elevati per tutti.

Magari tra 50 anni questi dubbi saranno solo un ricordo e le nuove abitazioni verranno già progettate con degli spazi per far atterrare i droni delle consegne, ma nel frattempo rappresenta una sfida anche solo far avvicinare il drone in giardino, magari ad altezza uomo e col rischio di colpire una persona, per esempio un bambino che gioca con la palla.

Proprio a questo ha pensato Cleveron, azienda che quest’anno ha già vinto il premio per la migliore innovazione postale grazie al suo PackRobot (in pratica un grande ascensore automatico che funge da punto di consegna e ritiro di pacchi). L’idea è quella di installare, nei giardini privati delle abitazioni, delle torri ultra tecnologiche che fungano sia da base di atterraggio per i droni che effettuano le consegne, sia da magazzino per gli stessi pacchi consegnati.

Video: consegne sicure via drone secondo Cleveron

A giudicare dal video, non c’è dubbio che la soluzione proposta da Cleveron sia originale e anche molto tecnologica. Restano però diversi dubbi. Ad esempio il design potrà anche essere passabile, ma l’ingombro non è trascurabile. Inoltre, questa torre domestica di atterraggio per droni non risolve il problema di tantissimi edifici privati (specie nelle città) che non dispongono di un’area all’aperto, anche se potrebbe fare al caso di chi ha un giardino sufficientemente grande. Tutti però dovranno prima aspettare che le consegne via drone siano pienamente funzionanti, il che non sembra debba accadere a breve.

557 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: