Recensione FPV drone googles Eachine VR D2

0

Un accessorio, ma in questo caso si tratta di un componente fondamentale per chi pratica il pilotaggio in FPV è il visore per controllare le immagini trasmesse dal drone da FPV Racing.

Sia esso un monitor di dimensioni più o meno grandi, siano gli occhiali LCD delle marche più blasonate e conosciute, siano i goggles con unico display LCD e lente di Fresnel; senza di essi  non si potrebbe parlare del pilotaggio in prima persona. Si tratterebbe di una normale pilotaggio in terza persona, ovvero controllando il drone da corsa solamente con la vista del pilota.

Ricordiamo che per il regolamento ENAC il volo del pilota remoto amatoriale, cioè del modellista può essere effettuato, senza l’ausilio di strumenti atti ad aumentare la portata ottica del pilota. Nel volo del FPV Racing, invece sono ammesse eccezioni per i piloti che partecipano a questa disciplina e fanno gare in tal senso.

L’AeroClub d’Italia, ha ottenuto dall’Ente Nazionale Aviazione Civile uno speciale permesso per svolgere le gare in Italia nelle modalità FPV. Quindi i piloti remoti, possono comandare il loro velivolo osservando le immagini trasmesse in tempo reale dai loro droni da corsa. Un Helper ovvero un osservatore, controllerà che nei dintorni del pilota non ci siano pericoli o impedimenti e nel caso intimerà o provocherà un atterraggio immediato.

Precisazione lunga forse noiosa e anche ripetitiva, ma necessaria per evitare che persone non perfettamente conoscenti della materia, indossino gli occhiali da FPV e se ne vadano in giro pilotando da soli i loro racers.
Abbiamo provato i googles della Eachine, che produce tra l’altro una nutrita schiera di droni da racing di tutte le dimensioni e classi. Questi visori sono un ottimo sistema per provare l’emozione immersiva del pilotaggio in First Person View, senza svenarsi e ottenere comunque un risultato più che accettabile.

vista-semi-frontale-700

visori per FPV drone racing Eachine VR D2

Recensione e prezzo dei visori per FPV drone Racing,  Eachine VR D2

Costano 99,00 dollari, un prezzo relativamente basso paragonato agli occhiali con due monitor a cristalli liquidi. Tale prezzo di vendita è frutto dell’abbattimento dei costi dei materiali costruttivi dei display LCD da 5 pollici che sono stati venduti per mille applicazioni e che offrono un buon compromesso tra qualità dell’immagine e la loro dimensione. Dato l’eccessiva vicinanza del monitor agli occhi del pilota, viene inserita una speciale lente per evitare problemi di visione sfuocata con fastidiosi mal di testa o possibili danneggiamenti alla vista.
Il caschetto che si indossa, permette una buona immersività dando al modellista, la sensazione di essere a bordo del quadricottero.

i googles Eachine VR D2 da noi provati, sono costruiti in materiale plastico, sono abbastanza leggeri e permettono di vedere con una discreta, ma non eccellente visione ciò che viene inquadrato dalla telecamera di bordo. Una particolare attrattiva di questi visori è costituita dal fatto che hanno al loro interno un registratore con scheda micro SD.

Ma andiamo con ordine; il pacchetto arrivato dalla Cina ha le dimensioni di un cubo di centimetri 16 x 19 x 11. Un imballo non esagerato, ma sufficiente a preservare il contenuto durante il lungo tragitto e una grafica minimalista, costituiscono la confezione del caschetto con visore.

imballo-e-confezione-eachine-vr-d2-occhiali-fpv-drone-racing

La confezione e il suo contenuto

All’interno della scarna scatola, troviamo tutto il necessario. Quindi una batteria al Litio con attacco a pin centrale e relativo alimentatore con convertitore per presa europea/italiana, Un manualetto di istruzioni in inglese, Un paio di strati di gomma piuma con adesivo 3M da attaccare sul bordo della maschera per evitare il contatto diretto con la fronte, che tuttavia non protegge il naso. Due antenne di cui una patch e una mushroom. La cinghia elastica dimensionabile per una migliore calzata sulla testa. Un paio di piccole pezze appositamente studiate per pulire la lente,

Il materiale che costituisce la maschera è tipicamente plastico e non viene nascosto con nessun accorgimento. Il peso è relativamente basso e quindi poco fastidioso anche se viene indossato il visore per lungo tempo. Intelligente la mossa di fissare le piccole batterie sulla parte posteriore della cinghia in modo da equilibrare l’armamentario e non far cadere la maschera sul naso o costringere a tenere i tiranti molto stretti.

Il ricevitore Diversity un plus davvero impagabile

Questi occhiali o meglio questo caschetto con visore FPV integrano un recorder che registra su scheda MicroSD tutto quello che viene ricevuto via segnale video analogico e permettere persino la successiva visione con i tasti Play avanti e Indietro presenti sulla parte anteriore della maschera. Un altra prerogativa interessante e apprezzata  è quella di avere un ricevitore diversity, in questo caso è meglio parlare di due ricevitori collegati a loro volta a due antenne di tipo differente, una patch per la lunga distanza con un discreto guadagno e una mushroom per una ricezione senza angoli ciechi nel breve e corto raggio. Il vantaggio di avere due ricevitori con il sistema diversity permette di avere sul monitor sempre il miglior segnale ricevuto, evitando laddove sia possibile sfarfallamenti e neve. Ricordiamo che questo tipo di ricevitori funzionano sulla banda dei 5,8Ghz in analogico e sono in grado di sintonizzarsi con la maggior parte dei trasmettitori video per FPV presenti in commercio offrendo la possibilità di ricevere 40 canali.

Il sistema non prevede una funzione di Scan automatico, nonostante le indicazioni pubblicitarie indichino il contrario. Quindi se non si conosce esattamente il canale usato dal VTX (trasmettitore video) bisogna cercarlo con pazienza passandoli tutti uno alla volta. Operazione noiosa, ma non complicata. Un display LCD segnerà il numero del canale corrispondente.

La luminosità e il contrasto sono modificabili da menu, sempre con i tastini situati sulla parte anteriore del visore.
Non sono previste uscite audio o video per collegare sorgenti esterne. In questa versione relativamente economica non è prevista nemmeno una ventola anti appannamento o anti sudore, come solitamente avviene sui googles di fascia superiore.

Funzionamento e prima impressione

pilota-fpv-drone-eachine-vr-d2il funzionamento e l’attivazione è molto semplice. Si collega la batteria, si cerca il canale del trasmettitore muovendo entrambi i pulsanti sino a trovare la giusta sintonia, si indossa il caschetto dopo aver applicato la gomma piuma. Si regola la cinghia elastica in modo da calzare gli occhiali senza impedimenti. E per ultima si sistema la lente di Fresnel nella posizione più congeniale ad una visione che non faccia affaticare gli occhi.

Nel nostro caso, abbiamo trovato insufficiente l’escursione della lente. Sarebbe ottimale poter spostare di almeno un centimetro gli occhiali dalla fronte. Con altri tipi di visore simili a questo, il problema non sussisteva. Non possiamo considerarlo un difetto perché per la visione ottimale concorrono diversi fattori troppo soggettivi. In ogni caso con qualche piccolo accorgimento è possibile adattarseli per godersi la risoluzione offerta.

I google Eachine VR D2 hanno una risoluzione di 800×480 px. Non si tratta quindi di una risoluzione entry level, ma nemmeno da primato sopratutto se li compariamo con modelli superiori. In sostanza possiamo affermare che si tratta di una buona risoluzione che permette di vedere abbastanza bene anche alcuni piccoli dettagli. Una volta indossata la maschera la luce non filtra in modo particolarmente insistente. Certo si potrebbe fare di meglio per avere un oscuramento totale, ma non è il diavolo. come si diceva. Il peso da portare non è eccessivo, siamo intorno ai 500 grammi comprensivi di antenne e batteria. In sostanza se facciamo il rapporto qualità prezzo il risultato finale è ottimo; considerando che si trovano in commercio al prezzo indicativo di euro 99,00.

Caratteristiche tecniche:

Display entro contenuto da 5 pollici,
Batteria di alimentazione per monitor, ricevitore e DVR costituita da una 2S Litio da 2200 mAh per un funzionamento di circa 3 ore
2 ricevitori in modalità Diversity
2 antenne: 1 patch e 1 mushroom
supporto per microSD necessaria per la registrazione
40 canali sulla banda dei 5,8Ghz
Cicalino (buzzer) per segnalazione acustica batteria in esaurimento

 

 

 

 

919 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: