Prodigy Wood un drone sicuro e innovativo made Italy

0

riceviamo e pubblichiamo  il seguente comunicato stampa

NASCE UN’INNOVATIVA STRUTTURA DI DRONI, ED E’ TUTTA MADE IN ITALY

1 Luglio 2014. Roma. Il laboratorio di ricerca e sviluppo AirMovie lab ha deciso di offrire a tutti coloro che desiderano diventare professionisti delle riprese aeree la possibilità  di imparare ad assemblare e pilotare il Prodigy Wood: la nuova struttura di “drone multi-rotore” per la quale la citata start up italiana ha depositato domanda di brevetto il 23 maggio 2014.

Le caratteristiche che rendono il Prodigy Wood una struttura rivoluzionaria e innovativa sono: la sicurezza, la struttura protettiva riduce il rischio di infortuni, la maneggevolezza, il pilota del drone può infatti tranquillamente ignorare i piccoli urti, l’attacco frontale della camera, che elimina il rischio di inquadrare le eliche, il basso impatto ambientale, dovuto soprattutto all’utilizzo del legno e di altri materiali ecologici, e infine il design made in Italy che ricorda velatamente i disegni di Leonardo da Vinci.

Sicurezza. L’idea di una struttura particolarmente affidabile nasce per rispondere a un’esigenza concreta e diffusa nel settore delle riprese aeree: avere la possibilità di guidare i droni in completa sicurezza, anche per il pilota! Infatti, l’intuizione di creare una struttura protettiva intorno alle eliche ha origine proprio in seguito a un infortunio subito da uno dei componenti del team di AirMovie lab. Durante una giornata di test, mentre il drone era in volo, uno dei quattro motori si è spento per un problema elettronico e il velivolo si è diretto verso lo sviluppatore della start up, che racconta: “Istintivamente ho provato a fermare il drone con la mano, ferendomi con le eliche. Quel giorno ho portato a casa 16 punti e una nuova idea.”

Maneggevolezza. Il telaio del Prodigy Wood è stato deliberatamente progettato per tutelare il motore e le eliche del drone, pertanto la protezione dei suoi pezzi principali è parte integrante del disegno della struttura e non una componente aggiuntiva e secondaria. Grazie a questo accorgimento il pilota può far volare in tutta tranquillità l’aeromodello, con la possibilità di ignorare i piccoli impatti contro pareti, alberi e altre superfici verticali. Inoltre questo particolare sistema di struttura è in grado di agevolare l’attenuazione delle vibrazioni provenienti dai motori, grazie al sistema di fissaggio degli stessi attraverso quattro staffe di supporto.

Attacco frontale della camera. La maggior parte dei multi-rotori utilizzati per le riprese aeree hanno il giunto della videocamera posto sotto il telaio del veicolo; questo fa sì che il pilota, nell’inclinare il drone in avanti durante il volo, corra facilmente il rischio di inquadrare le eliche. Nel Prodigy Wood invece, grazie all’attacco frontale della camera, il rischio di inquadrare le eliche è stato totalmente rimosso. Infatti la struttura consente un’escursione del gimbal di 180 gradi sia sull’asse orizzontale (roll) che su quello verticale (tilt). prodigy-wood-2 Pensato per macchine leggere come GoPro e NovoCamera, il Prodigy Wood è comunque in grado di gestire camere più pesanti come la BlackMagic Cinema Pocket. Inoltre, i sei motori coassiali consentono al drone ottime performances e una buona autonomia.

Basso impatto ambientale. La struttura prevalentemente in legno del Prodigy Wood rende questo drone unico dal punto di vista etico ed ecologico. Ciò”che non è”legno è”stampato in 3d con materiali plastici a base di fibre vegetali, la lavorazione è effettuata in un laboratorio dotato di pannelli fotovoltaici e infine la struttura viene trattata con vernici specifiche a base d’acqua. E’ in fase di analisi anche la possibilità”di utilizzo di eliche in legno, come spiega il responsabile della produzione di AirMovie lab,“uno dei nostri obiettivi principali è quello di creare un aeromodello che sia in sintonia con i boschi e le montagne, i luoghi che amiamo.” Airmovie Lab ha deciso di tutelare i diritti industriali dell’invenzione tramite brevetto e nei prossimi mesi ne avvierà”una produzione limitata attraverso una campagna di crowdfunding che sarà ospitata sulla nota piattaforma Kickstarter. “Abbiamo scelto di dare il via a una campagna di crowdfunding”, spiega il project manager della start up, “perché consideriamo il Prodigy Wood l’occasione per iniziare un processo industriale pulito e virtuoso, pertanto ci dispiacerebbe vederlo prodotto da aziende di cui non ne condividiamo la politica”. Per sostenere questa invenzione e restare aggiornati su tutte le novità del Prodigy Wood è possibile seguire l’attività di AirMovie lab sul sito www.airmovielab.com  o sulla sua pagina facebook

 

Workshop con posti limitati

Per chi volesse invece assemblare il proprio Prodigy Wood e imparare a pilotarlo può richiedere di partecipare al  Prodigy Wood Drone Workshop che i professionisti di AirMovie lab terranno quest’estate a Roma. Il corso sarà strutturato in tre diversi moduli: una prima parte teorica, a cui seguiranno le lezioni pratiche di pilotaggio del drone e il laboratorio di assemblaggio e manutenzione. Per maggiori informazioni è possibile scrivere al team di AirMovie lab all’indirizzo airmovielab@gmail.com o visitare la pagina web http://www.airmovielab.com/wokshop-droni/

 

3113 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: