Spielwarenmesse 2015 part 10: DJI

0

Come potrebbe essere possibile una fiera che parli (anche) di droni senza DJI? L’azienda cinese al momento sembra essere incontrastata nella sua leadership planetaria sia in termini di numero di pezzi venduti, che per copertura di gamma, che per fatturato e infine per innovazione tecnologica. Sono molti i competitor che vorrebbero anche solo avvicinarsi, ma al momento DJI rimane staccata da ogni possibile alternativa di marca, sebbene siano molti i prodotti di elevato interesse e qualità e anche facilità d’uso oggi sul mercato.

Nello stand DJI la parte del leone è sicuramente rappresentata da Inspire 1, il rivoluzionario quadricottero appena annunciato e già nell’occhio del ciclone sia per un problema di fissaggio con le eliche che di natura software al takeoff (due bazzeccole che comportavano semplicemente il rischio della distruzione del velivolo, davvero sorprendenti per un’azienda di questo calibro).

Il velivolo, oggi rivisto e con già ampiamente resi disponibili fix per questi problemi è presentato in tutte le forme possibili, con un ledwall che consente di verificare le riprese in tempo reale al pubblico.

Abbiamo incontrato Dave Hollins, direttore di DJI GmbH, la sede tedesca dell’azienda che ha anche la funzione di headquarter europeo, e Crystal Luo, Marketing Event Manager Dji.

Dave oltre ad essere disponibilissimo nei nostri confronti e a fornire risposte esaurienti su tutti gli aspetti anche… scomodi di questo mercato si dimostra innanzitutto un eccellente pilota di Inspire:

Dji_0105

Il momento si conferma magico per DJI: le vendite continuano a crescere in tutto il mondo e i nuovi prodotti hanno un’accoglienza calorosissima da parte del mercato. Le consegne di Inspire1, che rivoluziona ancora una volte regole e soluzioni tecnologiche faticano a tenere dietro alle richieste che provengono da tutti i negozi europei sia “fisici” che online. “E’ vero, abbiamo avuto alcuni problemi tecnici sui primi esemplari consegnati” ammette Dave, “purtroppo in alcuni modelli la IMU non effettuava correttamente la calibrazione all’accensione, e inoltre la nuova tecnologia di controllo dei motori che non solo taglia la corrente ma proprio frena la rotazione per garantire un controllo più immediato e reattivo comporta che le eliche nonostante siano filettate in modo controrotante debbano essere serrate al montaggio molto saldamente. Purtroppo alcuni Clienti non hanno tenuto conto di questa indicazione e abbiamo avuto alcuni problemi. Quello che è importante è che DJI ha immediatamente provveduto a gestire i problemi e supportare ogni singolo Cliente in difficoltà, in tempi molto rapidi.”

Dave e Crystal confermano che DJY sta lavorando sull’innovazione della propria offerta da molti punti di vista: sia ovviamente sull’aggiornamento e sviluppo di nuovi prodotti, da multirotori a sistemi di controllo a dispositivi accessori, ma anche lavorando con gli utilizzatori finali in modo da sviluppare nuove soluzioni che abbiano al centro sia la sicurezza che la compatibilità con le normative che via via si stanno definendo in tutto il mondo. “Siamo in contatto con le Aviation Authority sia in Australia che in Inghilterra, Germania, Francia e Stati Uniti: purtroppo i legislatori non hanno le idee chiare e non tutte le nazioni stanno rilasciando regole omogenee.”

DJI sta operando con un’operazione denominata New Pilot Academy in tutto il mondo, Italia compresa, per dare tutte le informazioni di base a chi vuole avvicinarsi a questo mondo sia per attività professionali che per passione, presentando i propri prodotti ma soprattutto dando tutte le indicazioni in termini di utilizzo in sicurezza di questi sistemi.

Dji_0104 Dji_0103 Dji_0102 Dji_0101 Dji_0100 Dji_0095 Dji_0094 Dji_0093 Dji_0085 Dji_0084

Naturalmente non poteva mancare la visibilità per il “buon vecchio” Phantom in tutte le declinazioni possibili:

Dji_0088 Dji_0087

Per i professionisti dell’immagine in bella vista i multirotori di punta con i sistemi di controllo al momento al top, ovvero A2 con nuova antenna GPS a più ampia potenza con supporto per più sistemi di posizionamento:

Dji_0091 Dji_0089 Dji_0090

Una scena specifica è anche predisposta per il Ronin, il sistema di stabilizzazione “a mano” di elevatissimo livello e di particolare interesse perché autoadattativo a qualunque telecamera con qualunque lente vi si monti (e ci chiediamo: perché non fate TUTTI i gimbal così????). Visibile anche il nuovo joystick a pollice per utilizzo da parte di un singolo operatore.

Dji_0099 Dji_0098 Dji_0096 Dji_0097

Sicuramente DJI è l’azienda del momento in questo mercato, e alla domanda “Ok, voi siete leader, ma chi temete maggiormente come competitor?” la risposta è stata “Competitor WHO?!?”

A parte gli scherzi sicuramente i nostri interlocutori hanno confermato di sentirti al comando del mercato, ma come con Inspire1 sono state sovvertite molte regole così succederà per altri prodotti. Nelle prossime settimane e mesi certamente si succederanno rilasci di nuove tecnologie, proprio per mantenere il gap competitivo che in questo momento l’azienda può vantare su altri operatori del mercato. Staremo a vedere!

 

1109 visite


Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: