DroneTracker, l’anti drone paladino della privacy

0

Un drone detector tedesco commercializzato anche in Italia da AiViewgroup e visto al Roma Drone Expo&Show 2015.

La privacy personale è messa in serio pericolo dalla massificazione dei droni che sempre più spesso solcano il cielo sopra di noi. Le regole ci sono in tutto il mondo, ma alle volte anche inconsciamente possono essere registrate immagini di proprietà private o di persone che non vogliono essere fotografate.
Lo stesso problema affligge aziende che vogliono tenere riservati i loro stabilimenti.
Alla pari dell’avanzare tecnologico nella realizzazione dei droni civili i drone detector si aggiornano per evidenziare l’avvicinarsi di robot volanti.
Prodotto dalla teutonica Dedrone GmbH il Drone Tracker, offre un insieme di sensoristica che spazia dagli ultrasuoni, ai microfoni ad alta sensibilità e a quelli ottici.
Con la possibilità di interfacciarsi in rete con altri DroneTracker con lo scopo di coprire e proteggere un ampia area, il drone detector ascolta con il proprio microfono il rumore tipico prodotto dai Droni e li paragona con un database contente le “firme audio” dei più noti velivoli a pilotaggio remoto.
Se non dovesse essere sufficiente vengono eseguite scansioni sullo spettro a infrarossi o con sensori termici e ottici.

I principali fruitori di questi protettori della privacy possono essere industrie, postazioni militari, impianti nucleari, prigioni di stato, stadi o eventi sportivi.
Di seguito l’intervista video

Maggiori info sul sito www.dedrone.com e www.aiviewgroup.com

1660 visite


Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: