Droni per la lotta ai rifiuti abbandonati

0

Tecnologia contro malcostume: i droni a supporto  del comune di Rivarolo Canavese per contrastare l’abbandono dei rifiuti indiscriminato sul territorio comunale.
Non si sa se sia colpa della TARI (tassa rifiuti), della crisi economica o solo della maleducazione dei cittadini, fatto sta che in molte parti d’Italia si assiste spesso al fenomeno del rilascio dei rifiuti al di fuori delle apposite aree di contenimento o fuori dal circuito della raccolta differenziata, dove previsto.
L’inquinamento, la sporcizia, la salute dei cittadini e forse anche un mancato introito da parte dei comuni sono sicuramente ottimi motivi per cercare mezzi e contromisure atte a controbattere queste spiacevoli pratiche urbane, ma non civili.

logo-rivarolo-canavese
Il comune di Rivarolo Canavese, per l’appunto, ha in mente un progetto per evidenziare comportamenti scorretti grazie ad una azione di sorveglianza in tempo reale o analisi successivi, effettuata tramite immagini ad alta risoluzione provenienti da velivoli a pilotaggio remoto, i cosiddetti droni volgarmente parlando.
Una prima prova è stata eseguita coinvolgendo Salt & Lemon di Ivrea, un operatore autorizzato ENAC nei giorni scorsi e ora il progetto è in mano agli assessori per una valutazione di fattibilità. Considerando anche l’ipotesi che l’uso dei droni, potrebbe servire per aggiornare le planimetrie catastali e persino per il controllo degli abusi edilizi.

«Ringrazio l’azienda per la collaborazione, – afferma il Sindaco Alberto Rostagno – per aver messo a disposizione dell’amministrazione comunale, a titolo gratuito, il Drone per la dimostrazione, i responsabili dell’azienda eporediese Stefano Sgrelli e Lucia Confalonieri e il pilota Edoardo Bortoccetti, che insieme al sottoscritto, al Comandante della Polizia Municipale Sergio Cavallo e al consigliere comunale Daniele Intravartolo, hanno partecipato alla prova sul campo con i Droni: “futuri guardiani del territorio della città di Rivarolo”.»

fonte: obiettivonews

 

1327 visite


Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: