Non c’è schiuma senza birra, ovvero: come nascono le Organizzazioni di Consulenza per droni

0
Di Paolo Omodei Zorini, della O.C. AlphaLima e membro del Comitato Scientifico di DronEzine

1383616_10202445466883799_1548071800_nIn collaborazione con Alpha Lima Aviation, OC riconosciuta ENAC,  DronEzine offre ai soci il servizio Il Consulente riconosciuto da ENAC risponde. Le risposte alle domande che riguardano i dubbi sull’applicazione del regolamento ENAC sono fornite da Paolo Omodei Zorini di AlphaLima, pilota di jet commerciali e istruttore di volo anche per SAPR.  Oggi addirittra c’è in ballo una birra come scommessa: come nascono le OR? 

una domanda che mi ponevo da tempo è quale iter burocratico/procedurale si deve seguire per diventare Organizzazione di consulenza in ambito SAPR. La domanda sorge da una discussione con un amico che reputa la cosa molto semplice, a mio avviso l’iter non è così scontato o banale, credo proprio che non ci si possa improvvisare.
Ci abbiamo scommesso una birra sopra. Sicuro di berla.

Come dico spesso a lezione, “no spuma sine cervesia”, ovvero se c’è la schiuma ci deve essere per forza la birra. Mai come in questo caso risulta quindi appropriato, anche se molti ex allievi probabilmente avranno qualche incubo in merito.
Burocraticamente per registrare un’OC basterebbe compilare l’apposita domanda ma solo dopo aver provveduto alla realizzazione di alcuni documenti importanti. È necessario infatti definire per iscritto tutte le procedure che l’Organizzazione mette in atto al fine di erogare i servizi di consulenza e soprattutto identificare i responsabili dei processi in funzione delle qualifiche possedute.
L’Autorità infatti deve provvedere a valutare tutto questo e, in caso positivo, riconosce l’Organizzazione.
Va detto che attualmente tutte le OC sono formate da persone con rilevante esperienza aeronautica alle spalle ma nessuno stabilisce che questa esperienza sia necessariamente legata all’aviazione tradizionale. È vero che in passato studi ed attività si svolgevano per forza di cose nel campo degli aeromobili con pilota a bordo ma oggi il settore si sta sempre più specializzando sull’aviazione remota, quindi ritengo che non sarà impossibile vedere crescere nuove figure specializzate ad hoc.
Ciò che è veramente importante è che ci sia nell’ Organizzazione una solida base di conoscenze tecniche tale da permettere l’erogazione di servizi all’altezza della sempre più alta interdisciplinarità del settore: questa potrebbe essere la birra della situazione.
La schiuma invece è proprio il prodotto finito, ovvero il servizio erogato. Senza una base con le qualità necessarie non può esserci nulla di buono.
Concludendo, speriamo di vedere i nuovi esperti di UAV crescere e ottenere tutti i riconoscimenti del caso. Nessuno è nato però carico di esperienza, occorre quindi costruirla giorno per giorno nelle scuole e sul campo. Quando questi requisiti saranno soddisfatti nessuno potrà negare anche le più alte qualifiche previste.
Buona bevuta (a non meno di 8 ore dal decollo successivo).
715 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: