Polemiche sulle modifche al regolamento dei droni

0

E’ polemica sulle nuove norme per l’utilizzo professionale dei droni. L’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile (ENAC) ha infatti pubblicato un mese fa, a sorpresa, un emendamento alla seconda edizione del Regolamento sugli Aeromobili a Pilotaggio Remoto (APR). L’emendamento prevede, in particolare, nuove limitazioni riguardanti le operazioni di volo negli spazi aerei controllati (i cosiddetti CTR), le operazioni di notte e le caratteristiche dei mini-droni con peso fino ai 300 grammi. L’iniziativa dell’ENAC ha suscitato numerose polemiche da parte della drone community italiana: nei forum specializzati, sono state addirittura ipotizzate proteste pubbliche, azioni legali e interrogazioni parlamentari.

Dopodomani 20 gennaio la vicenda sarà al centro di un dibattito pubblico organizzato nell’ambito di “Roma Drone Conference 2015-16”, che si svolgerà a Roma presso l’Auditorium della Link Campus University (via Bolzano 38, ore 14).
Al dibattito interverranno l’ing. Alessandro Cardi, direttore centrale Regolazione Tecnica dell’ENAC, il gen. Roberto Cattaneo, capo Ufficio Generale Spazio Aereo e Meteorologia dello Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, e il prof. Bruno Franchi, presidente dell’ANSV.
Per il settore droni, parteciperanno i rappresentanti delle maggiori Associazioni del settore droni (FIAPR, UASIT, AIDRONI, EDPA), di due aziende (FlyTop e Italdron) e delle due principali testate specializzate ( Quadricottero News e DronEzine).

L’evento, che sarà integralmente videoregistrato e successivamente reso disponibile online, consentirà anche di valutare le ripercussioni negative dovute all’incidente che ha visto un drone precipitare sulle piste dei Mondiali di sci a Madonna di Campiglio a fine dicembre.

«Abbiamo voluto offrire un’occasione di incontro e di confronto tra tutte le parti in causa, allo scopo di favorire innanzitutto un’informazione corretta sulle ultime modifiche al Regolamento e sui motivi che le hanno rese necessarie»-, ha spiegato Luciano Castro, presidente di Roma Drone Conference. «Questo dibattito pubblico seguirà di poche ore un tavolo tecnico tra l’ENAC e le Associazioni del settore droni e rappresenterà così l’occasione per presentare pubblicamente i risultati di questa riunione. La normativa è certamente necessaria, anche alla luce di ciò che è successo a Madonna di Campiglio. E’ auspicabile, però, che non rappresenti un ostacolo allo sviluppo di questo nuovo settore dell’aviazione, che promette interessanti prospettive anche dal punto di vista imprenditoriale e occupazionale».

Il dibattito con l’ENAC sarà preceduto, nella mattinata (a partire dalle ore 9), dalla conferenza sul tema “Droni e telerilevamento. L’utilizzo degli APR per la gestione del territorio e il controllo di infrastrutture e beni culturali”.
Il programma prevede una prima sessione sulle nuove soluzioni tecnologiche, con la presentazione di droni e sensori da parte di aziende come FlyTop, Italdron, Virtual Robotix Italia, MicroGeo, Drone Service, Cardtech e Topcon Positioning Italy. Seguirà la sessione dedicata a diversi progetti ed esperienze sul campo.

“Roma Drone Conference 2015-16” è la seconda edizione del ciclo di conferenze sulle applicazioni professionali dei droni. Organizzato dall’associazione Ifimedia e da Mediarkè, quest’anno si avvale anche della collaborazione scientifica della Link Campus University. La conferenza “Droni e telerilevamento” ha ottenuto il patrocinio da parte di Ministero dell’Ambiente, ENAC, ANSV, CIRA, ENAV, Aero Club d’Italia, ANCI, dei Consigli nazionali degli Ingegneri, Geometri, Architetti e Geologi e di tutte le Associazioni del settore droni.

La partecipazione è gratuita, previa registrazione via mail a segreteria@romadrone.it. Tutti i partecipanti potranno acquisire Crediti Formativi Universitari (CFU).Ulteriori informazioni sono disponibili su www.romadrone.it.

1189 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: