R2 D2 il droide di StarWars impara a volare grazie a un drone

0

A qualche mese di uscita nelle sale cinematografiche dell’ultimo contrastato e discusso episodio di Star Wars, troviamo in rete la realizzazione di R2 D2 il piccolo robot compagno del petulante e chiacchierone robot maggiordomo C-3PO in versione drone volante.

Nella incredibile e fortunata saga di Star Wars ideata dalla geniale mente di Geroge Lucas, il robot cilindrico che si muove solo su minuscole ruote si chiama R2 D2 amichevolmente “Arthur” dallo spelling inglese delle iniziali di R 2, mette le ali, anzi le eliche.

Don Melara un fan sfegatato dei personaggi di Guerre Stellari, ha realizzato una riproduzione davvero singolare per il robot che nella serie  possiede diversi apparati meccanici all’interno del corpo, fra cui un saldatore ad arco, una sega circolare.In sostanza il droide è una specie di  “scatola per gli attrezzi”, ma che grazie alla sue tre gambe, può solo muoversi per terra.

il sogno di Donny era quello di vederlo volare e gli ci sono voluti 8 giorni di duro lavoro per concretizzare il suo desiderio. R2 D2 è sorretto da 4 motori, e 4 eliche, ovvero un drone quadricottero equipaggiato con una centralina di controllo DJI con GPS e autopilota, una camera CCD anteriore, microfono e altoparlante.

r2d2 droide di StarWars vola grazie a un drone

 

Se l’ultimo episodio di Star Wars non vi è piaciuto, questo salto nel passato sicuramente farà piacere a tutti i vecchi appassionati e la novità di poter vedere volare –  grazie alla oramai “comune” tecnologia dei droni – questo pezzo di “antiquariato fantascientifico” consolerà anche gli irriducibili insoddisfatti fan, usciti dalle sale cinematografiche.

1045 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: