Qualche consiglio su come proteggere il tuo drone

0

Se anche tu come noi hai molto a cuore l’incolumità del tuo drone, allora ti consigliamo di seguire questa breve serie di consigli utili per proteggerlo come si deve e quindi permettergli una vita il più longeva possibile.

1. Segui una check list pre-volo

Portare sempre con te una piccola lista di controllo pre-volo può risultare determinante. Prima di decollare, assicurati quindi di aver preso in considerazione queste domande:

  • Le batterie sono cariche? Sembrerebbe una domanda ovvia, ma una ulteriore verifica della carica delle batterie, anche quelle del radiocomando, può letteralmente salvare la vita al vostro drone.
  • Qual è lo stato delle parti mobili? A furia di vibrare, i collegamenti delle diverse componenti del drone potrebbero allentarsi. Non vorrete mica vederle staccarsi dal telaio mentre il drone è in volo, vero? Allora controllate bene l’antenna, le eliche, la video camera e qualsiasi altra parte che potrebbe essersi allentata durante l’ultimo volo.
  • I sensori funzionano correttamente? Assicurati che siano calibrati.
  • Il trasmettitore è ok? Prima di volare, verifica che le leve del radiocomando si muovano senza alcun problema e che non ci siano impostazioni o modo di volo particolari.

2. Prenditi cura delle batterie

La questione batterie è di fondamentale importanza, perché una batteria in cattivo stato non mette solo a rischio il volo del tuo drone, ma anche la stessa abitazione dove la attacchi alla corrente per metterla in carica. Se vuoi dormire sonni tranquilli, puoi dotarti di un piccolo estintore da tenere a portata di mano in caso di necessità, ma visto che prevenire è molto meglio che curare ecco alcune attenzioni che puoi riservare alla batteria.

Innanzitutto controlla sempre che la superficie della batteria sia omogenea e non presenti tagli, abrasioni, sia gonfia o abbia difetti vari. Alla minima imperfezione, sostituiscila con una nuova. Tieni poi in considerazione che la batteria si surriscalda sia durante l’utilizzo che mentre si carica, perciò è buona norma lasciarla raffreddare nell’intervallo tra l’una e l’altra fase, e viceversa, così da prevenire un eccessivo surriscaldamento. Se non vuoi rinunciare ad aspettare per riprendere il volo dopo che la prima batteria si è scaricata, puoi sempre comprarne un’altra e ripartire in men che non si dica.

3. Aggiungi una copertura impermeabile

A meno che tu non abbia un drone marino, ti conviene prendere precauzioni quando voli nei pressi di specchi d’acqua: è sufficiente una sola mossa falsa per dire addio al tuo drone. Per questo ti conviene trattare il drone per renderlo impermeabile, utilizzando uno dei tanti prodotti (sostanze spray o spalmabili) che si trovano in commercio.

4. Previeni un attacco esterno

Non vorresti mai vedere il tuo drone che all’improvviso non risponde ai comandi e se ne va beato per la sua strada, giusto? Allora è il caso di prendere provvedimenti per evitare che terzi malintenzionati possano scipparti il controllo del drone, come nel caso degli hacker che possono introdursi attraverso smartphone, tablet e pc, oppure come i jammer che possono creare interferenze alle tue trasmissioni utilizzando delle apposite onde radio. Nel primo caso, è sufficiente assicurarsi che non ci sia del malware annidato all’interno del sistema operativo dello smartphone/tablet/pc, mentre nel secondo caso è possibile acquistare degli appositi strumenti anti-jammer. In linea di massima cerca di non volare mai nei pressi di tralicci elettrici o stazioni ripetitori di radio frequenza, telefonici o radio-televisivi.

5. Acquista una polizza assicurativa

Il regolamento ENAC italiano parla chiaramente  a tal proposito e in ogni caso si tratta di una misura responsabile, non solo per chi usa i droni per lavoro. Il professionista dovrà necessariamente dotarsi di una apposita copertura assicurativa, mentre l’hobbysta è esentato da tale obbligo, ma dato che oggi esistono pacchetti assicurativi di tutto rispetto anche chi vola solo per divertimento, a prezzi bassissimi, forse conviene dormire sonni tranquilli. Dai un’occhiata alle convenzioni riservate ai soci DronEzine.

6. Trasporta il drone con cura

Siamo portati a pensare che un oggetto che vola corra rischi solo quando è lassù nel cielo, invece è opportuno dedicare la massima attenzione anche quando il drone è a terra. Durante il trasporto, ad esempio. Utilizza sempre una borsa imbottita e rinforzata contro gli urti, o meglio ancora un case rigido, che ti aiuterà anche a tenere in ordine tutti gli accessori e i pezzi di ricambio. Prima di decollare verifica sempre che non ci siano nervature o strane pieghe sulle eliche che sono tra le prime a danneggiarsi specialmente nei movimenti a terra. Se così fosse sostituiscile senza indugio, potrebbero rompersi in volo.

Questi sono i principali accorgimenti per allungare la vita del tuo drone. Ti auguriamo di godere al massimo del tempo trascorso insieme a lui.

2767 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: