Quanto male può fare un drone?

0

Un esperimento un poco splatter, ma che fa riflettere, viene dal Drone Lab dell’Università di Aalaborg in Danimarca, che ha costruito una catapulta per simulare il danno che potrebbe fare a una persona l’impatto con l’elica in carbonio di un grosso drone che viaggia a 9 metri al secondo (circa 30 km/h). L’effetto dell’incidente viene simulato su una costata di maiale e ripreso da una telecamera ad alta velocità (vedi il video qui sopra).

“L’obiettivo della ricerca è quello di esaminare le conseguenze degli impatti di droni di diverso tipo e dimensioni che colpiscono persone, animali, auto, vetrate e i vari ostacoli che possono incontrare sul loro cammino” spiega il direttore del Drone Lab Anders la Cour-Harbo. “Grazie alla camera ad alta velocità e sensori di misura estremamente precisi che tracciano sia la velocità sia le energie in gioco è possibile avere una stima molto accurata del tipo di danno che possiamo aspettarci”.

Il filmato è relativo al prototipo ancora in via di sviluppo della catapulta, dei sensori e delle illuminazioni, ma dà già le prime indicazioni interessanti: “mostra chiaramente quel che potrebbe succedere se un drone del tipo usato dagli hobbysti dovesse colpire un corpo umano” spiega Cour-Harbo. Ci permettiamo di dissentire, eliche di carbonio così grosse sono per droni semiprofessionali, non per un medio aeromodello, Ma l’esperimento è lo stesso interessante, anche se – ammette lo scienziato danese – “è troppo presto per trarre qualsiasi conclusione”. Certo è che nessuno vorrebbe essere al posto della costoletta affettata dall’elica.

883 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: