Visto al Roma Drone 2016: iFly ala fissa per fotogrammetria

0

Nello stand di MicroGeo, storica azienda toscana che si occupa di aero fotogrammetria, oltre al mini drone sotto i 300 grammi BeeCopter del quale parlammo qui, troviamo un drone in polistirolo, destinato a mappare grandi appezzamenti di terreno.

iFly, è un drone ad ala fissa o meglio un tuttala, vista la caratteristica forma aerodinamica che permette di ottenere il massimo rendimento in termini aeronautici. Monta una elettronica 3DRobotics si possono installare sensori da 20 a 42  Mpixel fullframe o in alternativa camere multispettrali. Nato specificatamente per compiti aero fotogrammetrici, con un tempo di volo di quasi 50 minuti, permette di mappare ampie aeree per poi dare in “pasto” i rilievi ottenuti al software di mappatura o ricostruzione 3D.

 
Al di la della praticità tipica dei sistemi multirotori, in alcune applicazioni, la scelta del drone ad ala fissa, un vero aeroplano che abbia caratteristiche di autonomia di volo, derivata da un sistema aerodimanico che solo un ala vera fissa e non rotante può garantire, diventa obbligatoria. Pur essendo limitato dalla altezza massima dei canonici 70 metri, come sancito dall’attuale regolamento, si riesce ad operare in tutta tranquillità, ci assicura Marco Salvatori, un responsabile di MicroGeo.

725 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: