In Nebraska un drone incendiario per combattere gli incendi

0

Detta così potrebbe sembrare uno scherzo, o quanto meno un controsenso, ma in realtà la pratica di accendere volontariamente degli incendi controllati in apposite aree è piuttosto diffusa nel Nord America, al punto che è lo stesso servizio forestale nazionale a prescriverla con cadenza periodica in alcuni stati. Lo scopo è quello di bruciare in modo calcolato delle aree che altrimenti sarebbero a forte rischio incendio, in pratica prevenendo il problema prima che si sviluppi improvvisamente, assumendo proporzioni di difficile controllo. Gli incendi controllati non solo pongono direttamente più al sicuro gli insediamenti umani limitrofi, ma portano anche benefici come ad esempio la riduzione degli insetti parassiti e delle malattie.

Benché questa attività venga svolta in modo molto coscienzioso da professionisti, però, non c’è dubbio che per i lavoratori rappresenti un rischio di infortunio piuttosto alto, motivo per cui in Nebraska si è pensato di utilizzare i droni per appiccare il fuoco. Il prototipo del drone in questione, progettato dall’Università del Nebraska-Lincoln, per il momento non è altro che un comune drone professionale, sul cui dorso sono stati installati un tubo e un sistema di rilascio per piccole sfere incendiarie. Mentre vengono rilasciate, le sfere vengono iniettate con un composto chimico che, pochi secondi dopo, fa in modo che prendano fuoco.

Il mese scorso il drone ha bruciato con successo 26 acri di erba durante un test nell’area dell’Homestead National Monument. L’obiettivo è quello di progettare un drone che possa stare dentro uno zaino, in modo che i vigili del fuoco possano trasportarlo con facilità ed utilizzarlo dove necessario.

https://www.youtube.com/watch?v=hXwtxm3Lfnk

1343 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: