Al freddo e al gelo: i droni alla conquista dell’Artico

0

Gli occhi colmi di aspettative di tanti investitori, produttori di droni e operatori commerciali guardano agli sviluppi tecnologici e normativi che interessano le grandi città, o magari le vaste aree rurali dove trovano spazio smisurate coltivazioni agricole. Eppure c’è un altro palco, meno popolare e piuttosto inospitale, dove i droni vanno in scena. Si tratta dell’Artico, dove tra ghiacci e tempeste a 50 gradi sotto zero gli uas americani fanno il loro lavoro sin dal 2013, poco dopo l’uscita – avvenuta l’anno precedente – dell’Atto di riforma e modernizzazione della FAA.

Il documento, tra le varie disposizioni, stabiliva che la FAA iniziasse una collaborazione con importanti agenzie federali, oltre a comunità nazionali ed internazionali, per tracciare delle aree nella regione artica dove i droni avrebbero potuto operare 24 ore al giorno, impiegati in attività di ricerca e sviluppo, operazioni SAR (ricerca e soccorso), e fini commerciali. Il piano operativo previsto per queste aree doveva includere lo sviluppo di processi atti a facilitare un uso sicuro dei droni in modalità BVLOS, ossia oltre la linea di vista. Le aree prescelte dovevano consentire voli dalla superficie dell’acqua fino almeno a 2mila piedi di altezza (poco più di 600 metri), con rotte di ingresso e di uscita da siti costieri di lancio selezionati.

Così, nel 2012, la FAA ha dato vita al Piano di implementazione artica, firmato dal Segretario dei Trasporti, per rendere noti a tutte le parti interessate gli sviluppi del progetto e, in particolar modo, le aree operative e le rotte permanenti stabilite. Attraverso il sito ufficiale della Federal Aviation Administration, possiamo così ricavare che ad oggi sono ben 4 le attività che interessano o hanno interessato l’Artico con la benedizione della FAA:

  • (Settembre 2013) ConcoPhillips inizia ad usare il drone ScanEagle della Insitu per le indagini su ghiaccio e mammiferi marini
  • (Giugno 2014) BP usa il drone Puma AE della AeroVironment per controllare tubature, strade e altre dotazioni a Prudhoe Bay, in Alaska, dove si trova il più grande giacimento petrolifero degli Stati Uniti
  • (Giugno 2014) Impiego di Puma AE della AeroVironment in simulazione di emergenza per fuoriuscita di petrolio nel Mare di Beaufort (a nord dell’Alaska)
  • Operazione Scudo Artico 2015, simulazione per fuoriuscita di petrolio, ricerca e soccorso

Come è evidente, lo scenario artico non offre alcun appeal per le operazioni commerciali, ma è un luogo cruciale per studiare la natura e l’impatto ambientale. Sebbene queste regioni siano interessate da condizioni climatiche estreme, infatti, presentano anche delle caratteristiche favorevoli assolutamente uniche (assenza di edifici e di persone, scarsa presenza di animali, etc) che rendono possibile operare al di fuori delle restrizioni previste dalla FAA per gli ambienti abitati dall’uomo, (come nel caso del volo BVLOS).

854 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: