Il tuo drone è sopravvissuto a Santo Stefano? Allora è ora di imparare a volare sul serio

0

Parecchi droni giocattolo regalati a Natale non hanno passato Santo Stefano. Per quelli sopravvissuti, vediamo alcuni semplici consigli per far durare a lungo il drone e non farsi male, non farne agli altri e divertirsi.

  1. Non provarlo in casa!
    E’ vero che i droni giocattolo possono benissimo volare indoor, cioè al chiuso. Ma prima devi imparare bene, pilotare non è facile come sembra, specialmente i droni giocattolo più semplici, quelli privi di barometro per gestire la quota, paradossalmente sono molto più difficili da usare di quelli semiprofessionali. Le eliche possono rovinare i mobili, far male ai componenti della famiglia e se si impigliano nelle tende i motorini si bruciano facilmente.
  2. Il primo volo fallo all’aperto, in un prato quando non c’è vento
    Non avere fretta, aspetta una bella giornata senza vento, senza nebbia e non troppo fredda (tu magari sei un temerario che se ne frega del gelo, ma le batterie al litio dei droni il freddo lo temono eccome). Trovati un bel prato senza gente, senza alberi e poi vola. Se è freddo, scalda prima le lipo qualche minuto tenendole in mano o nella tasca dei pantaloni.
  3. Non ti allontanare e non fidarti del return to home
    La portata delle radio giocattolo è molto scarsa, inoltre più il drone è vicino meglio lo vedi, meglio capisci come è messo e più te lo godi. E poi puoi farti dei bellissimi selfie tenendotelo davanti al naso. Vicino ma non troppo vicino, mi raccomando. Torna sempre indietro pilotando, nei droni giocattolo il Return to Home funziona da schifo, sempre che funzioni. Quando avrai peso confidenza con il tuo drone, allora potrai allontanarti un po’ di più.
  4. Fai esercizio
    f2Imparare a volare non è difficile, ma richiede un poco di applicazione e di disciplina. Non ti lanciare subito in voli temerari, impara per gradi: il primo esercizio è tenerlo fermo in aria a quota costante, lavorando sul gas. Non è facile come sembra, se il drone è molto semplice e non ha barometro richiede piccoli spostamenti dolci sui comandi. In questa fase, scoprirai che il drone potrebbe avere qualche tendenza a ruotare lentamente su sé stesso. Allora lo devi trimmare, agendo sui piccoli pulsanti che di solito si trovano vicino allo stick del YAW. Una volta trovato il giusto trimmaggio, starà bello fermo e puoi fare le mosse successive: imparare a non perdere quota quando ti sposti avanti, indietro, a destra e sinistra, scoprirai che dovrai sostenerlo con un pizzico di gas (sempre che il tuo drone non abbia un barometro, in questo caso lo fa da solo). Il terzo esercizio sarà disegnare bei cerchi facendo virate coordinate, che consistono nell’usare insieme pitch, roll e yaw per disegnare cerchi come Giotto tenendo la telecamera fissa sl soggetto. L’ultimo esercizio sarà disegnare degli “otto in pianta” cioè dei cerchi raccordati in entrambi i sensi: quando padroneggerai l’otto, disegnando cerchi uguali nei due sensi e senza perdere quota sarai un pilota provetto.
  5. Stai a 5 km dagli aeroporti
    i piloti di aerei sono fifoni hanno paura anche dei giocattoli più piccoli, bisogna aver pazienza
  6. Non volare sulla gente e sulle strade
    Semplice buonsenso, che te lo dico a fare?
  7. Non infastidire la gente 
    Il drone è una telecamera, la privacy è sacra, ti pare che ti metteresti a fissare un passante in modo insistente con la camera del telefonino? No, vero? Bene, non farlo nemmeno con il drone.
  8. Controlla sempre il drone dopo ogni volo
    Una volta a terra, verifica sempre che tutto sia a posto, specialmente le eliche. le eliche non devono mai essere riparate, se si rompono o si piegano devono essere sostituite. Costano poco, tranquillo, controlla solo che siano del verso giusto: due eliche gireranno verso destra, due verso sinistra, controlla che quella che cambi sia del tipo giusto.
  9. Il tuo drone ha l’FPV? prima impara senza
    fpvNessuna legge ti proibisce di volare con un drone che invia il video alla radio, purché tu piloti il drone sempre a vista, e il monitor lo usi come uno strumento in più e non come strumento principale di volo. Ce ne sono di due tipi: quelli che hanno un loro monitor dedicato e quelli che usano un cellulare. Attenzione che se c’è di mezzo il cellulare il video avrà un ritardo significativo, non è proprio adatto per il pilotaggio ma solo per controllare l’inquadratura. Invece se il monitor è dedicato verosimilmente il segnale usa una trasmissione analogica, non c’è ritardo ma la qualità potrebbe peggiorare molto rapidamente o sparire, quindi di nuovo non ti fidare.
  10. Non si alza più, che è successo?
    bmDue sono le cause tipiche di questo fastidio: o la batteria è troppo scarica oppure c’è un problema a un motore. Il guaio più frequente nei droni giocattolo, con i motori a spazzole,  è che l’ingranaggio piccolo del motorino non ingrana bene quello grande dell’elica. Di solito succede dopo un crash, se il motore esce dalla sua sede. Con un poco di pazienza e delicatezza si rimette a posto facilmente senza bisogno di strumenti, bastano le dita. Se invece un motorino si è bruciato, va cambiato, e di solito i ricambi si trovano. Invece i motori brushless dei droni semiprofessionali non hanno ingranaggi ed è molto difficile che si brucino. Anche se può succedere.
  11. Gli alberi sono i nemici naturali degli aeromodellisti
    Uomo avvisato, mezzo salvato.
  12. Conosci i tuoi diritti
    Goditi il tuo drone con responsabilità, conosci a legge: ricordati che contrariamente alle sciocchezze che talvolta si leggono in Internet, nessuno ti vieta di fare riprese personali con il tuo drone e postarle dove ti pare, ma devi scegliere un posto adatto per volare, non popolato, lontano dal persone e cose: il che non significa volare nel deserto ma semplicemente usare la testa. Se voli per divertimento non hai bisogno di nessun patentino, e nemmeno l’assicurazione è obbligatoria, ma costa poco e ti fa volare tranquillo, quindi ti consigliamo caldamente di farla lo stesso. Trovi tutto quel che c’è da sapere per volare come hobbista qui. 

 

2314 visite




Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: