Droni, avviato una database con i regolamenti mondiali

0

Paese che vai usanza che trovi. Nel settore droni, vigono diverse leggi e regolamentazioni a seconda della nazione nella quale ci si reca per lavoro o per hobby.
E’ stato recentemente avviato un database con l’arduo compito di inglobare o perlomeno indirizzare i visitatori verso i siti ufficiali di riferimento con il fine ultimo di conoscere le leggi che regolano il  sorvolo con i droni in uno o in un altro stato mondiale.

Si chiama Global Drone Regulations Database, e ha come compito quello di coadiuvare gli operatori umanitari, ma non solo loro, a trovare le giuste leggi che normano il volo don i droni o velivoli a pilotaggio remoto, prima di iniziare una missione in tali zone. Partito da una idea di UAViators, una organizzazione umanitaria senza scopo di lucro  che supporta e promuove l’utlizzo dei droni – UAV – a scopo umanitario.

Il database Global Drone Regulations è stato inoltre potenziato da FSD  (Fondazione senza scopo di lucro Svizzera, per azioni contro le mine) e finanziato da DG ECHO. Altri partner di rilevo per questa interessante iniziativa sono i produttori di droni: Parrot e SenseFly.
Consultando il database, inserendo ad esempio il nome di uno stato per il quale si vogliono conoscere i regolamenti relativi al volo con i droni, si possono ottenere immediatamente un breve riassunto con le principali leggi che normano il settore dei velivoli a pilotaggio remoto e a fianco i link con i siti di riferimento ufficiali dei normatori nazionali.

Prendendo ad esempio un caso noto, scegliendo Italy cliccando sulla cartina internazionale oppure scrivendo il nome nella apposita casella, si ottengono le seguenti informazioni:

La legge obbliga i proprietari i proprietari a certificare i loro droni e anche i piloti.
Il permesso di volo viene concesso dalla NAA, sulla base di norme nazionali specifiche,  da valutare  caso per caso e per un periodo limitato.

Si tratta di un riassunto molto stringato e relativo, lo ricordiamo, ai soli voli effettuati da  operatori professionali umanitari. Sulla destra i riferimenti ai siti di ENAC – purtroppo solo italiano.
Per chi volesse contribuire ad aumentare le informazioni fornite da questo utile servizio, magari aggiornando o inserendo le informazioni relative a un singolo paese, è sufficiente compilare un modulo online a questo link.

1285 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: