Enac chiarisce una volta per tutte: “Gli aeromodelli possono volare se la CTR non parte da terra”

0
Le CTR sono volumi di spazio aereo e come tali possono partire dal suolo oppure da una altezza superiore. In quest’ultimo caso il volume sottostante, se comprende le altezze di 70 metri, o i 150 metri nel caso di aree appositamente istituite con tale altezza per l’aeromodellismo, è spazio aereo che può essere utilizzato per l’aeromodellismo.
Con questo messaggio, in risposta ad una domanda precisa che abbiamo posto all’Authority, ENAC chiarisce definitivamente una materia che continua a far discutere gi aeromodellisti: sappiamo che gli aeromodelli non possono volare nelle CTR, che – lo ricordiamo- sono uno spazio aereo controllato posto in corrispondenza di uno o più aerodromi, che si estende verso l’alto a partire dalla superficie del suolo oppure da una quota stabilita fino a un limite superiore specificato.
In queste aree in pratica sono garantiti i servizi della torre di controllo, e mentre i SAPR (che sono aeromobili) hanno regole per poterci volare dentro, agi aeromodelli (compresi i droni usati per divertimento e per sport) sono invece proibite. Quindi disco verde agli aeromodelli se la CTR parte da una altezza superiore ai 70 metri, il limite di legge per il volo degli aeromodelli a meno che non si sia in possesso dell’Attestato di Aeromodellista, nel qual caso il limite generale è 150 metri. A nostro parere era abbastanza scontato che al di sotto dell’altezza alla quale la CTR è costituita la CTR non esiste e quindi lo spazio aereo è volabile, ma il dubbio era rimasto e oggi è stato definitivamente chiarito. Se la CTR parte sopra la quota di volo massima degli aeromodelli, possiamo tranquillamente usarla per i voli ricreativi e sportivi.
Resta il problema di sapere dove sono queste benedette CTR, e la risposta è tutto sommato piuttosto semplice: la troviamo qui.
8518 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: