Australia: un drone per individuare gli squali e salvare i bagnanti

0

Se questa estate ha segnato la discesa in campo dei primi droni soccorritori sui litorali del nostro paese, che hanno il compito di intervenire prontamente in caso qualcuno accusi un malessere in spiaggia o in acqua, in Australia la situazione è leggermente diversa ed include giusto una piccola preoccupazione in più: gli squali.

Nel 2016, infatti, sono stati 26 gli attacchi di squali registrati sulle coste australiane, che in 2 casi hanno portato alla morte delle vittime. Per questo, nel paese dei canguri le autorità si stanno organizzando al meglio per la prossima stagione estiva (che ricordiamo arriverà a dicembre), pronti ad usare i droni per individuare la presenza di squali nelle acque vicine alle spiagge e dare prontamente l’allarme ai bagnanti.

Video: Alla scoperta di Little Ripper, il drone australiano anti-squali

Il drone in questione, sviluppato dall’University of Technology Sydney (UTS) e dall’azienda Westpac Little Ripper Lifesaver, è in grado di riconoscere gli squali con il 90% di accuratezza, distinguendoli ad esempio dai delfini e dalle balene. Allo stesso modo, distingue tra surfisti, nuotatori, barche e altri oggetti.

come il drone individua gli squali“Il sistema automatico di individuazione e identificazione degli squali in particolare, e di oggetti o altra fauna marina in generale, è stato sviluppato usando tecniche di elaborazione delle immagini e reti neurali all’avanguardia. Il sistema riesce a identificare gli squali grazie incrociando l’elaborazione dei feed video, che sono dinamici, e delle immagini statiche” spiega Michael Blumenstein, a capo della Scuola di Software della Facoltà di Ingegneria e IT all’Università di Tecnologia di Sydney.

Il drone sorvola le acque costiere e analizza le riprese in tempo reale, pronto ad avvertire, in caso di necessità, i servizi di emergenza, i bagnini e persino le stesse persone sulla spiaggia. Se il drone individua uno o più squali, avverte immediatamente le persone in acqua attraverso il megafono integrato a bordo.

Il drone Little Ripper Lifesaver è sistema innovativo che aiuterà a rendere più sicure le acque australiane e che rappresenta una pietra miliare nel modo di affrontare gli attacchi di squali, con la concreta possibilità di salvare delle vite e che probabilmente farà scuola in questo settore, potendo in futuro perfezionare l’algoritmo al fine di individuare anche meduse e altri pericoli per i bagnanti.

580 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: