In Italia cresce l’interesse per i droni in agricoltura: Parrot a Pavia, Dronitaly a EimaSHOW

0

Estate rovente per i droni in agricoltura. A Pavia Parrot ha mostrato il suo Disco AG, il tuttala agricolo low cost a un evento organizzato da DronEzine e dalla scuola di volo Club Astra di Mezzana Bigi, effettuando il rilievo multispettrale di un vero campo di mais. SAL Engineering, Provvedi Group e MRN Electronic hanno invece dimostrato in volo le loro soluzioni  alla collettiva Dronitaly@EimaShow, In entrambe le occasioni, le aziende della filiera dei droni hanno tenuto workshop informativi e preso contatto con agronomi, contoterzisti, e proprietari di aziende agricole interessati a utilizzare i droni per la loro attività.

Parrot a Pavia (Mezzana Bigli)
afCresce l’attenzione del mondo agricolo italiano verso i droni, e lo dimostra il moltiplicarsi di iniziative volte a far conoscere i vantaggi del drone nel lavoro agricolo quotidiano. Apre le danze il 28 luglio scorso Parrot, che a Mezzana Bigli (Pava) – in un evento organizzato da DronEzine e dalla scuola di volo Club Astra di Mezzana Bigli ha mostrato sul campo cosa sa fare il suo piccolo tuttala Disco AG, soluzione completa che in una scatola ha tutto quel che serve per lavorare: il drone (e ci mancherebbe), la camera multispettrale Sequoia, il software di volo automatico Pix4D Capture, le mappe di vigore di Airinov, l’azienda francese – che fa capo al gruppo Parrot – che si incarica di trasformre le immagini scattare dalla camera agricola Sequoia in mappe che dicono subito all’agricoltore dove il suo raccolto cresce bene e dove avrebbe bisogno di aiuto, sotto forma di acqua, oppure concime  o fitofarmaci, a seconda delle necessità. A dimostrazione dell’importanza attribuita all’evento targato DronEzine, a Mezzana Bigli era presente anche Romain Faroux, CEO di Airinov, che ha spiegato nel dettaglio come le mappe vengono prodotte e come usarle al meglio. Presenti anche diverse scuole di volo del Nord Italia, che dopo aver visto in volo il Disco AG prevedono di integrare i corsi di ala fissa e di agricoltura dal cielo nei loro programmi di studio.

Droni a Perugia (Casalina di Deruta)

DCIM100MEDIADJI_0274.JPG

DCIM100MEDIADJI_0274.JPG

Nemmeno il tempo di riprendere fiato che il giorno dopo si riparte subito per Perugia, o meglio Casalina di Deruta, dove i droni sono stati le star  della prima edizione di EIMA Show, manifestazione dimostrativa di macchine e tecnologie per l’agricoltura, che si è svolta 28 e 29 luglio. L’evento promosso da Umbria Fiere, Coldiretti Umbria, Università di Perugia, Fondazione per l’Istruzione Agraria e FederUnacoma, ha richiamato  agricoltori, terzisti e operatori, intervenuti per vedere e toccare con mano le più innovative macchine agricole e i sistemi dedicati all’agricoltura di precisone. Grazie all’accordo stipulato tra Mirumir e FederUnacoma, le aziende SAL ENGINEERING, PROVVEDI GROUP e MRN Electronic, che hanno aderito alla collettiva Dronitaly@EimaShow, hanno effettuato dimostrazioni di volo, svolto workshop informativi e preso contatto con agronomi, contoterzisti, e proprietari di aziende agricole interessati a utilizzare i droni per la loro attività.L’utilizzo dei droni nell’ agricoltura di precisione è in grande e continua diffusione, perché trasportano in quota sensori multi spettrali , laser scanner, termocamere in grado di raccogliere dati e informazioni altrimenti impossibili da ottenere

Perché i droni piacciono agli agricoltori
Tre sono i temi che guidano lo sviluppo dell’agricoltura 4.0: produttività, competitività e sostenibilità ambientale, come è stato ribadito i relatori intervenuti al convegno ”L’agricoltura di precisione: obiettivi, applicazioni, prospettive” e nel successivo workshop di SAL Engineering. L’obiettivo è produrre di più , a minor costo e a ridotto impatto ambientale e in questo i droni sono preziosi alleati. I velivoli a pilotaggio remoto consentono infatti agli operatori agricoli di tenere sotto controllo la corretta crescita delle piante, prevenendo i problemi che possono compromettere porzioni di coltivazione. Precisione e velocità di analisi garantiscono efficienza e tempestività dell’intervento. Chi può contare su dati precisi può dosare erbicidi, pesticidi e fertilizzanti utilizzandoli solo dove servono davvero e nelle giuste quantità. Questo si traduce in risparmio di denaro per l’azienda agricola e minor impatto ambientale a beneficio della salute dei consumatori.

Prossimo appuntamento la partecipazione collettiva ad AGRILEVANTE 2017 (Bari 12-15 ottobre) e la contestuale organizzazione di convegni e seminari sull’impiego dei droni nell’agricoltura di precisione.

2484 visite


Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: