Vitus, il drone anti Mavic che tarda ad uscire

0

In un mercato tecnologico e dinamico come quello dei droni, spesso le politiche commerciali e le anticipazioni possono rivelarsi come un pericoloso boomerang. L’annuncio di un nuovo drone e la non presenza sugli scaffali fisici o online dei vari reseller, può provocare spiacevoli ripercussioni sul produttore.

Il drone Walkera Vitus, presentato a inizio anno al CES 2017 di Las Vegas e al quale sono seguiti diversi rilanci pubblicitari, compreso quello della fiera del giocattolo a Norimberga, non è ancora disponibile. Sui carrelli elettronici di alcuni store internazionali, quali GearBest e Banggod, seppure a prezzi diversi risulta tuttora “sold out” o in corso di rifornimento.

I tempi corrono e la concorrenza del principale concorrente asiatico è sempre più pressante. Il rischio di un lancio prematuro o di soli rumors che esprimano features che poi il drone non riuscirà a mantenere possono conclamare il suo insuccesso.
L’esempio del drone GoPro Karma che pur di battere sul fili di lana il drone DJI Mavic, presentandosi con un madornale problema tecnico – si spegneva in volo cadendo rovinosamente a terra – ne ha decretato la morte.
Ad oggi il drone Karma ha riacquistato le sue doti di volo, ma purtroppo non ne parla più nessuno e sono in pochi coloro che si sono fidati delle patch applicate da GoPro.
In ogni caso nel frattempo il Mavic si è conquistato la sua fetta di mercato.

Il drone Vitus sulla carta e dai video promozionali, ha caratteristiche tecniche di rilevo che gli permetterebbero di tenere il passo tranquillamente con il suo cugino Mavic.

drone-walkera-vitus-ripieghevole

E’ altrettanto pieghevole e quindi facilmente trasportabile, pesa leggermente di più, ma offre un sensoristica di bordo per l’evitamento degli ostacoli su 3 lati, che potrebbe lavorare alla pari se non meglio del concorrente. Anche sul fronte della camera di bordo le specifiche sono di discreto livello. Il radiocomando di tipo DEVO F8S è davvero bello esteticamente, anche se con la discutibile scelta di alloggiare l’iimancabile smartphone con app di controllo nella parte anteriore allo stesso, occludendo molto probabilmente in parte le antenne per il controllo radio.

radiocomando-drone-walkera-vitus

La portata è di “soli” 1,5Km, assolutamente paragonabile a un qualsiasi radiocomando amatoriale, mentre il Mavic con un protocollo proprietario dichiara distanza vicine ai 7Km.
App per smarpthone e tablet e Assistant per PC e Mac in pieno stile DJI.
Non manca la possibilità di usare il flusso video e telemetrico del Vitus in un contesto ludico da videogioco con realtà aumentata.

Gimbal su 3 assi controllato meccanicamente per mantenere la video camera che può restituire video sino a 30 fps a 4K nel formato mp4 con immagini a 12 Mpx nel formato jpg.

Con il peso di 890 grammi e alimentato da una batteria ai Polimeri di Litio – LiPo – da 5200 mAh, il drone Walkera Vitus 320 può rimanere in volo dai 22 ai 28 minuti

Video di uno dei primi unboxing del drone Walkera Vitus

Il drone Vitus, viene proposto dagli store internazionali a un prezzo di 825 euro, potrebbe effettivamente dare del filo da torcere al DJI Mavic, considerando che Walkera è un brand noto e conosciuto da molto tempo nel mercato amatoriale e produttore di elicotteri prima e di droni poi anche per il FPV drone racing.
Insomma rimaniamo sintonizzati per poter vedere e provare con mano il nuovo drone Walkera Vitus 320, nel frattempo godiamoci il video di un primo unboxing.

2666 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: