SkyWall 300, un cannoncino automatico per l’abbattimento sicuro dei droni

0

Nonostante le prescrizioni e i divieti di legge, che normano in quasi tutto il mondo il volo dei droni civili, esiste sempre qualche disinformato o peggio ancora malintenzionato che incurante dei divieti, sorvola aeree ad alto rischio, quali carceri, palazzi governativi, aeroporti o stazioni militari.

Non è infrequente anche in Italia leggere sui quotidiani di cittadini perlopiù stranieri, che (forse)  non conoscono le regolamentazioni nazionali e per effettuare qualche foto in Piazza San Marco a Venezia, piuttosto che al Colosseo di Roma o al Duomo di Milano, che eseguono voli illegali e potenzialmente pericolosi sopra a monumenti e persone per portare a casa qualche selfie o fotografia personalizzata.
Solo che la foto gliele fanno in commissariato, dove oltre al sequestro del drone, vengono denunciati per violazione delle norme che regolano la Navigazione Aerea, con tutte le conseguenze del caso.

Immaginiamo quindi come la situazione si complichi ulteriormente quando si aggiungono a questi sprovveduti comportamenti, quelli spregiudicati di potenziali terroristi o malviventi. Viene da se immaginare, che siano necessarie contromisure per fermare sul nascere un volo eseguito da un drone civile, cioè di un piccolo aeromobile a pilotaggio remoto, in zone dove è formalmente nonché  severamente vietato.

fucile anti drone SkyWall100

Le soluzioni per contrastare questi comportamenti sono tante. si passa dai fucili a radiofrequenza che inibiscono la comunicazione tra pilota e drone oscurando anche il segnale dei satelliti per le antenne del GPS di bordo (come ad esempio nel caso di DroneGun), a quelle hardware, con proiettili particolari.

E’ il caso di dire che il sistema anti drone di OpenWorks, azienda inglese già conosciuta per il fucile portatile anti drone SkyWall100, prevedono il lancio di un vero e proprio proiettile di dimensioni sostanziose che al suo interno contiene una rete e un paracadute.
Il colpo che giunge sul bersaglio volante con precisione centimetrica, imbriglia il drone con la rete di corda e con il paracadute lo deposita a terra preservando l’incolumità delle persone e delle cose sottostanti.

Un esemplare del fucile anti drone SkyWall100, utilizzato all’aeroporto di Berlino

I primi esemplari del fucile SkyWall100 utilizzabile da una unica persona, sono già stati consegnati agli enti governativi di alcune nazioni estere, e utilizzati in occasione della visita del presidente USA in Germania. Nei giorni scorsi in occasione della fiera DSEI – Defence Systems and Equipment International, di Londra conclusasi il 15 settembre ultimo scorso,  OpenWorks ha presentato lo SkyWall300.

Lo SkyWall300 è un sistema di rilevamento automatico del volo di un drone in una area sottoposta alla propria sorveglianza e al successivo abbattimento, con il sistema della rete e del paracadute. Simile a un cannoncino e con un aspetto non meno inquietante del fucile suo predecessore, il sistema anti drone SkyWall300, nasce per essere installato su postazioni fisse come basi militari, aeroporti, prigioni o palazzi presidenziali.

“Abbiamo integrato tutte le conoscenze acquisite attraverso la collaborazione con le autorità governative leader del mondo e credo che SkyWall300 abbia la capacità di dare a questi operatori di protezione la protezione di cui hanno bisogno  – ha dichiarato James Cross, Direttore Vendite e Marketing di OpenWorks –   Le autorità di tutto il mondo stanno cercando un sistema come questo e siamo orgogliosi di continuare la tradizione dell’innovazione britannica nell’industria della sicurezza “.

 

2819 visite


Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: