Così lavoro sulla gente, senza patentino, con il mio drone DOBBY registrato come trecentino

0

Andrea Berti ci mostra cosa può fare con un drone da selfie DOBBY registrato a ENAC come SAPR inoffensivo sotto i 300 grammi, l’unico drone che può essere usato per lavoro anche in città senza patentino, volando anche sulle persone. I risultati li possiamo giudicare facilmente dal video qui sopra

I Sapr inoffensivi sotto i 300 grammi, SOLO ED ESCLUSIVAMENTE se usati come trecentini secondo il regolamento ENAC (e quindi Sapr inoffensivi con massa al decollo inferiore a 300 grammi, con paraeliche obbligatori, velocità inferiore a 60 km/h, registrazione obbligatoria dell’operatore e della macchina, assicurazione come aeromobile e non come aeromodello) possono fare cose che nessun altro drone può fare: per esempio volare in città e sopra a gente.

Tutte caratteristiche che Andrea Berti, appassionato di micro auto SMART, sfrutta per creare i filmati dei loro raduni: “Sono entrato da circa un anno nel mondo dei SAPR, per esigenze dell’associazione di cui sono il presidente, Smart Club Italia” ci racconta Andrea.  “Lo scopo è di fare dei video promozionali dei nostri eventi, non potendo chiamare ogni volta operatori diversi (gli eventi li organizziamo in tutta Italia) ho deciso di far diventare l’associazione Operatore ENAC, ho conseguito le autorizzazioni, anche per aree critiche, per poter utilizzare un APR Parrot Bebop 2, regolarmente registrato anche per le operazioni critiche appunto. Poi però la necessità di riprendere da vicino persone e di fare alcune riprese in città mi ha spinto a valutare una soluzione da affiancare al Parrot. Dopo alcune ricerche ho deciso di acquistare un APR di peso decisamente ridotto (sotto i 250g) per poterlo utilizzare quasi liberamente, ho scelto quindi di acquistare uno Zerotech Dobby.

Il Dobby è un drone da selfie, piccolo, leggerissimo e molto facile da portare in giro, non è un poco strana come scelta per trasformarlo in SAPR, quindi di fatto in un aeromobile professionale? Di solito si parte dai DJI Spark e si modifica, i Dobby trecentini sono rari come le mosche bianche…
“Diciamo che è un oggetto di dimensioni molto ridotte che si sposa bene con lo spazio che ho a disposizione nella mia auto (una Smart appunto), le dimensioni però non devono trarre in inganno, sono rimasto piacevolmente stupito della stabilità di volo e della manovrabilità (purtroppo solo con APP per cellulare), la stabilità ed il posizionamento sono ottimi anche per riprese indoor”.

Sì, ma un micro drone che nasce per fare selfie non è un po’ limitato per l’uso come SAPR? Penso soprattutto al link radio, anzi, cellulare, visto che il Dobby si guida con il telefonino…

“Il link radio non è male, è selezionabile in 2,4 e 5 GHz. il mio consiglio è di non superare i 50 mt, anche se ho provato e a 100 metri arriva senza problemi, utilizzandolo comunque vicino a persone e cose la distanza che si tiene non è mai più di 5-10mt, anche per un problema di prospettiva e dimensioni (lo si perde di vista facilmente). Il Geofence è di H100 V50, fisso (il che significa che il drone non si allontana mai più di 100 metri dal pilota e non sale mai sopra i 50 metri, ndr)”. 

E la qualità delle immagini è adatta ai tuoi scopi?
“Per quello che riguarda la camera la qualità dei filmati e delle foto è adeguata ad uno standard abbastanza alto, la camera è 4k, ma utilizzando lo stabilizzatore elettronico scende a 1080p. Una grossa limitazione è data dal fatto che la camera è orientabile solo a mano, bisogna quindi scegliere prima di decollare l’orientamento verticale. Il Dobby è dotato di GPS e di tutti i sensori che consentono un volo decisamente stabile, ha anche delle funzioni integrate di alto livello come il face tracking, l’object tracking, l’orbita intorno ad un punto ed il video 360° automatico, completano le features anche i comandi vocali (che non ho mai utilizzato) e il ritorno automatico”.

Il Dobby in volo su un raduno di Smart

Come autonomia come siamo messi?
“Purtroppo la durata delle batterie in volo è di appena 6 minuti, le dimensioni ed il peso dell’APR ovviamente non permettono di utilizzare degli accumulatori più grandi, comunque dotandosi di 4 batterie si riescono ad avere delle autonomie decenti (comunque bisogna atterrare per spostare l’angolazione della camera)”. 
Dopo i primi voli ho ritenuto necessario sostituire le forcelle che fermano le eliche sui motori (brushless) con dei pezzi in alluminio invece che gli originali in plastica, questo ha consentito al Dobby di avere una maggiore stabilità in volo. I bracci sono ripiegabili, cosi come le eliche e consentono di infilare il Dobby in una tasca.

I manuali li hai fatti da solo? Quanto tempo ti ci è voluto e come hai fatto?
“Ho redatto i manuali da solo, con la preziosa consulenza di AlphaLima Aviation, ci ho messo circa 16 ore, compreso i test di volo”.

Da quanto tempo il tuo Dobby è registrato come trecentino e quante missioni hai fatto?
E’ registrato dai primi di settembre, l’ho utilizzato fin d’ora oltre che per l’attività sperimentale per un paio di missioni (a Riccione, viale ceccarini e a Crissoloin provincia di Cuneo)

Particolare dei paraeliche (obbligatori) e del fermaeliche in alluminio, in sostituzione di quello di fabbrica (per una scelta del pilota, non c’è un obbligo regolamentare)

Per l’assicurazione come ti sei regolato?
“Ho una polizza con Allianz come operatore (comprende anche il Bebop2)”

Ci racconti qualche ripresa speciale che hai fatto con il tuo sapr?

Per ora l’unica ripresa “speciale” è stata quella fatta in viale ceccarini a Riccione, rispettando la distanza dalla linea costiera e dall’aeroporto di Misano Adriatico. Se avessi voluto farla con il Bebop avrei dovuto utilizzare il cavo per avvicinarmi alle persone presenti.

Volendogli dare un voto, quanto gli daresti e perché?
Gli darei un 7,5 perché è un buon compromesso per fare riprese di eventi, come serve a me, da usare su facebook e youtube.. è da affiancare comunque ad un altro APR più pesante per fare tutte le altre riprese (panoramiche o ad altezze elevate).

3516 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: