I droni in Italia volano alto: +80% in valore, +29% in volume, 17 milioni di fatturato. E’ boom!

0

I droni entrano nel paniere Findomestic che fotografa i consumi degli italiani, e con numeri da record. Sono in assoluto il comparto che cresce di più, con uno straordinario +80% in valore e + 29% in volumi di vendita rispetto allo scorso anno. Meglio di così il 2017 non poteva finire.

Una crescita record, i droni hanno superato tutte le nuove tecnologie emergenti, secondo i dati di Findomestic: hanno superato le pur robuste crescite di auto elettriche e ibride (+70% in immatricolazioni), i dispositivi Internet indossabili (+33% in valore e +19% in volumi) e le E bike, che superano oramai i volumi di vendita dei “motorini”.

Il futuro, di legge nel rapporto Findomestic, “sta irrompendo anche nella vita lavorativa degli italiani e nella pianificazione delle imprese con ritmi incalzanti e per questo motivo Findomestic ne ha fatto il focus dell’indagine a tema, realizzata in collaborazione con Doxa, che di consueto accompagna l’analisi dei mercati. Siamo nel pieno della terza rivoluzione industriale e la quarta sta arrivando, cogliendo impreparati molti. Parafrasando un libro di anni fa insomma “sta per venire la rivoluzione e non ho niente da mettermi”.

In particolare per i droni, che Findomestic definisce “Un settore di nicchia in crescita vertiginosa“, il mercato in Italia vale 17 milioni di euro con più di 300 mila pezzi annui venduti. Gli acquisti si focalizzano sui droni aerei che rappresentano il 96% del fatturato del segmento con un incremento dell’80% in valore a fronte di una crescita del 29% sulle unità vendute.

I droni quindi si avviano a diventare un tassello fondamentale del futuro immaginato dagli analisti di Findomestic, un domani molto vicino in cui “saremo circondati da macchine (non solo volanti) gestite da intelligenza artificiale, scomparirà il posto fisso, non ci saranno più gli uffici e si potrà lavorare da casa. Lo stipendio sarà legato al raggiungimento degli obiettivi. Macchine e robot potranno sostituire gli uomini nei lavori più faticosi e ripetitivi e metterli nella condizione di spostare la loro attenzione verso attività a maggiore valore aggiunto, attività nelle quali potrà essere esaltato il fattore umano. A patto che l’uomo impari ad aggiornarsi continuamente e a cavalcare l’inarrestabile onda della trasformazione tecnologica. Il futuro sarà molto più accessibile per tutti coloro che sapranno “parlare” con la tecnologia e governarla e coloro che riescono a comprendere e a gestire l’universo social. Si tratta di vere e proprie categorie privilegiate” di persone che surferanno sul nuovo mercato del lavoro agevolmente”. Insomma, il momento giusto per buttarsi nel mondo dei droni è adesso, aggiungiamo noi.

 

1341 visite

Commenta:

Segui DronEzine sui social: