Con il drone nel paese di Babbo Natale: che regole ci sono in Lapponia?

0

Ti è venuta voglia di andare a trovare Babbo Natale in Lapponia, e vuoi portarti dietro il drone per riprendere la splendida natura del pese dei mille laghi? Ecco cosa c’è da sapere per volare in Finlandia, di cui fa parte la zona più turistica della Lapponia, che peraltro comprende anche il nordest della Norvegia e della Svezia.

Il Villaggio di Babbo Natale a Rovaniemi visto dal drone

In un paese abitato da 190 mila renne, 180 mila lapponi e un solo Babbo Natale, la vera sfida è climatica più che legale: a Dicembre il sole non si vede mai, tutt’al più un pallido solicello malato tra nebbie fitte e spesse nubi per un paio d’ore al giorno. A essere fortunati, però: la media è una sola ora di sole al giorno. La temperatura media del mese è -12 di minima e -6 di massima nella capitale regionale Rovaniemi, nota per il Santa Claus Village, il villaggio di Babbo Natale situato poco fuori dal paese, a ridosso del Circolo Polare Artico. Invece al Nord è molto peggio, a Inari (nell’estremo Nord) il sole a Dicembre non sorge proprio, c’è la notte artica. Ciò significa che il nostro drone potrebbe tranquillamente rifiutare di armarsi, molti DJI per esempio non si accendono se la batteria non è almeno a 5 gradi, e quindi dovranno essere scaldate prima del decollo. E per volare i guanti sono semplicemente indispensabili.

Per i coraggiosi che sfidano le bizze del clima polare, le regole del volo ricreativo con i droni in Filnandia, Lapponia compresa,  non sono molto diverse dalle nostre. La quota massima è 150 metri (da noi sono 70), mentre la distanza non è specificata dalla legge, basta poter vedere il drone. Bisogna stare a 5 km dagli aeroporti, si vola non solo di giorno come da noi ma anche di notte, altrimenti nell’estremo Nord, dove c’è la notte artica, a Dicembre non si volerebbe proprio. Non è obbligatoria la registrazione, ma è obbligatorio scrivere sul drone il proprio nome, cognome e informazioni di contatto (tipo email o telefono). L’ assicurazione per danni a terzi è sempre obbligatoria, anche per il volo ricreativo. Non si vola mai sulla folla, ma il volo in città non è proibito, anche se ci sono molte no fly zone sulle città finlandesi (ecco alcuni esempi):

Principali No Fly Zone per droni in Finlandia

Non si vola mai sulle centrali nucleari, raffinerie, oleodotti, carceri, installazioni militari. La distanza tipica dagli aeroporti è 5 km, ma in quelli più grandi è vietato il volo nella zona ADIZ (Air Defense Identification Zone), a meno di non avere richiesto un NOTAM. Per vedere dove sono bisogna procurarsi una mappa aeronautica.

A differenza che da noi, non è vietato il volo in città, se il drone pesa meno di 3 kg, fuori dalle aree proibite che comunque ci sono come si può vedere dalla gallery qui sopra. Piuttosto rilassate le regole sul volo FPV: basta un helper che non perda mai di vista il drone. Invece sono molto stringenti le regole sulla privacy: non possono essere postate immagini dove ci sia una persona riconoscibile, quindi se capita qualcuno nel filmato, fosse pure un elfo di Babbo Natale, bisognerà renderlo irriconoscibile prima di postare il filmato o la foto.

 

 

 

862 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: