USA, la FAA inserisce 7 siti nucleari nella lista dei luoghi vietati ai droni

0

E se vi dicessimo che negli USA un pilota amatoriale di droni debba per legge tenersi lontano dagli aeroporti perché potrebbe creare problemi agli aerei, ma che invece possa liberamente sorvolare dei siti nucleari? Tra la psicosi per gli incidenti fortuiti e l’allarme per i droni usati per atti terroristici, le maglie del regolamento della FAA non si erano ancora strette abbastanza da non far passare i voli in alcune aree dove hanno luogo dei siti nucleari.

L’inspiegabile lacuna del sistema di sicurezza nazionale americano verrà però presto colmata, dal momento che la FAA ha già stabilito che a partire dal prossimo 29 dicembre nessun pilota potrà volare in prossimità delle aree site in:

  • Hanford Site, Franklin County, WA
  • Idaho National Laboratory, Idaho Falls, ID
  • Los Alamos National Laboratory, Los Alamos, NM
  • Oak Ridge National Laboratory, Oak Ridge, TN
  • Pantex Site, Panhandle, TX
  • Savannah River National Laboratory, Aiken, SC
  • Y-12 National Security Site, Oak Ridge, TN

che rappresentano alcuni tra i principali siti nucleari del Paese. Non si tratta esclusivamente di impianti (e quelli che lo sono non sono tutti in attività), ma anche centri di ricerca, come ad esempio Los Alamos. Resta possibile, per gli operatori di droni, richiedere permessi speciali per ottenere l’autorizzazione a volare sulle strutture.

La decisione della FAA è l’ultimo di una serie di provvedimenti che, nell’ultimo anno, hanno vietato l’uso dei droni nelle vicinanze di strutture militari (ora i militari sono autorizzati ad abbattere droni che minaccino le normali operazioni delle basi), monumenti famosi (ad esempio la Statua della Libertà a New York) e altri luoghi di pubblico interesse che potrebbero rappresentare un bersaglio per attacchi terroristici.

521 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: