Alla fine cosa è meglio, Mavic Air o Mavic Pro?

0

Dopo tante ore di prove, discussioni, esperimenti e valutazioni abbiamo messo sotto pressione il laboratorio di DronEzine per cercare di rispondere alla prima domanda che ci è venuta in mente dal momento in cui per la prima volta abbiamo tolto dalla scatola il nuovo nato di casa DJI. E finalmente, abbiamo potuto tirare le somme e chiarire: cosa è meglio, Mavic Pro o Mavic Air?

Confronto droni DJI: Air Mavic VS Mavic Pro

Ovviamente si tratta di macchine piuttosto diverse, a cominciare dalle dimensioni e pesi (Air è sensibilmente più piccolo, 430 grammi contro i quasi 750 del Pro del pro) e dal prezzo di listino, che è di 849 euro per l’Air e parte da 1.190 per il Pro.

Camera

Le telecamere di bordo di Air e Pro sono certamente simili, ma non identiche. Entrambe hanno un gimbal a tre assi e una risoluzione di 4k, ma quella dell’Air ha un bitrate massimo quasi doppio del Pro, 100 mbps contro 60.  Superiore anche la dimensione delle card supportate, che arrivano a 128 GB nell’air, 64 nel Pro. Inoltre Air ha anche una card interna da 8 GB che può tornare utilissima: alzi la mano chi non si è mai trovato in difficoltà per una card guasta, piena o dimenticata a casa. Se poi serve il rallentatore, l’Air arriva a 120 FPS in FullHD, con il Pro si deve scendere a 720P. In compenso il Pro ha un ritorno video FullHD, l’Air solo HD, e anche il tempo di latenza è inferiore nel Pro rispetto all’Ar.

Mavic Pro

Mavic Air

Gimbal

3 assi

3 assi

Risoluzione massima

4k, 12 Mpx

4k, 12 Mpx

Bitrate massimo

60 Mbps

100 Mbps

card

64 GB

128 GB

Card interna

NO

8 GB

Risoluzione a 120 fps

HD 720p

FullHD 1080p

Formato RAW

Sensore

1/2.3” (CMOS)

1/2.3” CMOS

Lenti

FOV 78.8°, f2.2

FOV 85°, f2.8

 

Da notare che la gimbal del Pro ha una escursione maggiore rispetto a quella dell’Air: entrambe scendono a -90 gradi, per le riprese nadirali, ma quella del pro può essere sollevata fino a 30 gradi sopra l’orizzonte, quella dell’Air si ferma a zero, cioè dritto davanti al muso, al limite +17 gradi usando i settaggi estesi.

Prestazioni in volo

Il Mavic air è leggermente più veloce del Pro, 68.4 km/h contro i 65 km/h del Pro, che si raggiungono in sport mode e in assoluta mancanza di vento. Il Pro è più agile, sale e scende più velocemente (rispettivamente 5 e 4 m/sec per il pro, 4 e 2 per l’Air), e ha una autonomia maggiore (27 minuti il Pro, 21 l’Air). La portata della radio è superiore per il Pro, a potenza europea DJI dichiara 4km per il pro, 2 km (che scendono a 500 metri in 5,8 GHz) per l’Air. Entrambi possono operare tranquillamente in alta montagna, fino a 5 mila metri di quota, sempre che non faccia troppo freddo: per tutti e due i limiti operativi sono tra 0 e 40° di temperatura esterna.

Mavic Pro

Mavic Air

Range operativo (Ue)

4 km

2 km (500m in 5.8 GHz)

Autonomia

27 minuti

21 minuti

Velocità ascensionale

5 m/sec

4 m7sec

Velocità discesa

4 m/sec

2 m/sec

Quota massima

5 mila metri

5 mila metri

Temperatura esterna

0-40°

0-40°

Massima percorribilità

13 km

10 km

Satelliti

Glonass-GPS

Glonass-GPS

Vento massimo

n.d.

38 km/h

Sensori e volo automatico

Il Mavic Air ha sensori molto superiori a quelli del Mavic pro, che coprono anche la coda mentre nel pro guardano solo avanti. Nel Pro i sensori proteggono da 70 centimetri a 15 metri di distanza, mentre quelli dell’Air funzionano nell’intervallo che va da 50 cm a 24 metri. I sensori verticali del Pro, utili per l’hovering di precisione, sono attivi tra 30 cm e 13 metri, quelli dell’Air tra 10 cm e 8 metri, il che significa tra l’altro atterraggi più dolci.

Ma non si tratta solo di una questione di metri e centimetri:  il software dell’Air è più evoluto di quello del pro, e lo si vede per esempio nell’evitamento degli ostacoli: se il pro non può che fermarsi quando si trova davanti qualcosa che non dovrebbe esserci, l’Air fa il possibile per superare l’ostacolo evitandolo di lato o salendo in quota, senza interrompere la missione. Anche il Follow Me è più semplice e intuitivo da usare con l’Air: se nel Pro bisogna individuare il soggetto della ripresa disegnandogli intorno un quadrato, con l’Air basta semplicemente cliccarci sopra, limitando così il carico di lavoro per il pilota/cameraman.

Più completa anche la dotazione di SmartCapture mode dell’Air, che alle opzioni del Pro – Rocket, Dronie, Circle e Helix – aggiunge i due modi inediti Boomerang e Asteroid: nel primo il drone descrive un arco intorno al soggetto da riprendere e torna indietro, appunto come se fosse un boomerang, mentre in Asteroid schizza verso l’alto e trasforma gradualmente la ripresa in una forma sferica, dando l’effetto di un razzo che partendo dal soggetto arriva in orbita: ok, una cosa che difficilmente farà impazzire un fotografo professionista, ma per giocare ci sta eccome.

Sia Air sia Pro si comandano indifferentemente con la radio, lo smartphone o i gesti, ma anche qui le gesture dell’Air sono più complete e sofisticate rispetto a quelle del pro.

Prima di passare alle conclusioni, vi ricordiamo che se volete approfondire le prestazioni dei singoli droni, potete leggere:

In conclusione, Air o Pro?

Tirando le somme, il Mavic Air ha una camera migliore, voli automatici più avanzati e una dotazione di sensori più potenti e intelligenti di quelli del Pro. Ha persino una scheda di memoria video integrata, che è certamente utilissima. In compenso il ritorno video del Pro è FullHD, quello dell’Air solo HD, e il tempo di latenza è inferiore nel Pro, anche se è difficile apprezzarlo visto che parliamo pur sempre di millisecondi. Più pratico, piccolo e sicuro, costa pure meno, il che ha la sua importanza, parliamo (di listino) di ben 340 euro in meno, mica noccioline. Insomma non ci sarebbe neppure da discutere, stravince il Mavic Air, se non fosse che per un dettaglio: il Pro ha più autonomia. Può andare più lontano e fare più strada, cioè più carrellate di ripresa con una sola batteria. Ecco, se l’autonomia e la distanza di controllo è davvero fondamentale, la scelta può cadere sul Pro. In tutti gli altri casi, non si discute: Mavic Air.

24286 visite
Commenta:

Segui DronEzine sui social: