Trecentisti, vediamoci al Roma Drone Campus al meeting sui mini droni da 300 grammi

0

 

In appena sei mesi, in Italia sono nati oltre 800 nuovi operatori APR che utilizzano mini-droni inoffensivi del peso inferiore ai 300 grammi. Un vero boom, che continua a crescere e ad offrire nuove opportunità di lavoro e di business, grazie a una regolamentazione più favorevole rispetto ai droni più pesanti che oltretutto non richiede patentino. Una comunità che dopo il meeting di Prato dello scorso anno si ritrova il 21 febbraio al Roma Drone Campus, un appuntamento da  non mancare

I SAPR sotto i tre etti, in massima parte – ma non solo – derivati dal DJI Spark, piacciono da matti perché possono  essere usati per lavoro senza attestato anche in città, volando tranquillamente sulle persone (non in assembramento) e per loro tutte le operazioni sono non critiche, in ogni scenario: tutte cose che si trasformano in una estrema flessibilità operativa, economia di esercizio e praticità, creando le condizioni perché tanti bravi fotografi e aeromodellisti siano invogliati a entrare subito nel mercato del lavoro dei SAPR senza bisogno di patentino”.

Inoltre, gli indubbi vantaggi dei droni inoffensivi rispetto ai fratelli maggiori regalano una marcia in più anche agli operatori “brevettati”, che sempre più spesso affiancano il trecentino ai droni più grandi per semplificare operazioni che altrimenti sarebbero molto complesse da autorizzare.

Il punto su questo interessante mercato sarà fatto da DronEzine durante l’APR300g Meeting a “Roma Drone Campus 2018”, quinta edizione del grande evento professionale sui sistemi a pilotaggio remoto. Una occasione di incontrare e incontrarsi tra operatori, piloti, customizzatori di mini-droni, costruttori e rivenditori. Il meeting si svolgerà a Roma mercoledì 21 febbraio, dalle ore 14 alle 16.

Durante i lavori, verranno anche presentati i risultati dell’inizativa #IoVoloTrecentino, i corsi che DronEzine organizza nelle scuole di tutta Italia e danno agli operatori di trecentini gli strumenti culturali per affrontare con successo l’attività professionale: perché ricordiamo che, anche se il “patentino” non serve, sono comunque SAPR e di cose da sapere ce ne sono proprio tante.

Sarà una grande occasione di confronto e di scambio di opinioni e di esperienze in questa nuova community”, sottolinea Luciano Castro, presidente di Roma Drone.

Il meeting di Prato “Tre etti di libertà”

Dopo il meeting ‘Tre etti di libertà‘ organizzato da DronEzine lo scorso anno a Prato, l’APR300g Meeting si configura come un altra pietra miliare, in cui stavolta non ci si ritrova più solo tra trecentisti ma ci si confronta con tutto il movimento dei droni in Italia, per portare l’esperienza dei trecentini alla ribalta in una manifestazione di respiro nazionale. Siamo quindi felici di lavorare ancora una volta insieme a Roma Drone” dichiara Luca Masali, direttore di DronEzine.

Durante il meeting, verranno presentati i dati in crescita delle registrazioni ENAC di nuovi operatori “inoffensivi” e saranno mostrati alcuni nuovi modelli sul mercato, anche in volo. Verranno poi illustrate alcune interessanti attività svolte recentemente in aree altrimenti difficilmente accessibili.

Roma Drone Campus 2018” si svolgerà nei giorni 21 e 22 febbraio presso il Dipartimento di Ingegneria dell’Università Roma Tre (via Vito Volterra 62, Roma). Oltre all’”APR300g Meeting”, ci saranno oltre 100 corsi, seminari, workshop, conferenze e presentazioni sulle nuove tecnologie APR e sull’uso dei droni in ambito professionale. Il programma completo sarà presto disponibile su www.romadrone.it. Il pass (valevole per i 2 giorni) ha un costo di 15 euro e consente di ottenere anche l’Attestato di partecipazione. E’ già possibile pre-registrarsi online:

https://www.eventboost.com/e/roma-drone-campus-2018/8588/.

1108 visite

Commenta:

Segui DronEzine sui social: