Droni alla gara formula E di Roma

0

Un evento di portata mondiale nella capitale: sabato 14 aprile si sono date battaglia le monoposto elettriche impegnate nel primo E-Prix di Roma , portando per la prima volta della storia sulle strade romane tutta l’energia delle monoposto internazionali. Con un tracciato di 2.7km, il circuito e’ uno dei piu’ lunghi della stagione, e naturalmente non potevano mancare le riprese dall’alto affidate ai droni…

Il circuito cittadino di Roma

Le monoposto elettriche hanno una potenza in gara di 180 kW (245 cavalli) e batterie da 28 kWh (invece in qualifica la potenza è superiore,  200 kW pari a 272 cavalli) e vedono la partecipazione di costruttori del calibro di Renault, Audi, Mahindra e Jaguar. L’evento romano era la settima prova del campionato, che si concluderà a il 15 luglio a New York nel circuito cittadino di Brooklin. Di tutto rispetto naturalmente le prestazioni: : 0 – 100 km/h in 2,8 secondi e velocità massima di 280 km/h.

Sotto il sole romano, il trionfatore è stato Sam Bird al volante della Ds Virgin, che ha vinto davanti al brasiliano Di Grassi (Audi) e Lotterer (Techeetah). Ritiro per Felix Rosenqvist, autore della pole, in testa per due terzi di gara. Quinto il leader mondiale Vergne,e gloria anche per l’italiano Luca Filippi su Nio, tredicesimo.

Ovvio che in una giornata del genere, trasmessa in mondovosione, non potevano mancare le riprese dall’alto fatte dai droni, affidati a un team d’eccezione, ben noto ai lettori di DronEzine per le sue riprese alle diverse edizioni del Rally di Sardegna: Droni Arezzo capitanata dal suo ceo e pilota David Mariottini, insieme a Camaleo di Maurizio Millefiorini. David Mariottini precisa che “le riprese sono state effettuate durante degli orari stabiliti insieme all’organizzazione, non durante la gara”, ed effettuate per conto di Enel.
Come è ovvio, continua Mariottini, “I voli sono stati autorizzati dalla prefettura e dall’ente gara”.

Gallery

1331 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: