Prova drone TELLO con range extender e sblocco limite altezza

0

Dopo aver provato il TELLO in occasione del Dronitaly, con questo articolo vogliamo approfondire ulteriormente il funzionamento del piccolo drone prodotto da Ryze Technologies in collaborazione con DJI e con Intel.

Il contributo di DJI si sente e si vede sin da subito, la app di controllo è molto simile alla DJI GO 4, le funzioni di decollo e atterraggio sono praticamente identiche. Lo stesso spegnimento dei motori, funzione abilitata per sicurezza, avviene inclinando violentemente il drone su un lato.
Atterraggio e decollo dalla mano, ricordano molto da vicino il drone DJI Spark, il tutto ottenuto grazie al sistema di posizionamento VPS (Visual Positioning System), che permette al TELLO di rimanere stabile alla stessa altezza e più o meno nella stessa posizione anche senza GPS e usando sensori e telecamera inferiore puntata verso terra.

Nulla a che vedere con lo Spark la memorizzazione delle immagini e men che meno dei video. Con il fatto che le registrazione non avviene ne su una scheda SD e nemmeno sulla memoria interna del TELLO, la qualità delle foto e delle videoclip rasenta veramente l’imbarazzante.
Se si usa il range extender WiFi, se si usano dispositivi iOS se si è molto vicini e se la banda è poco satura allora la qualità aumenta, ma nulla a che vedere con l’attuale standard qualitativo di casa DJI.

Piccolo leggero e usabile quasi dappertutto

Ciò nonostante e conoscendo i suoi limiti, ovvero la distanza massima raggiungibile è di circa 50/70 metri a seconda dalla WiFi installata sullo smartphone o sul tablet e il limite di altezza impostato di fabbrica a 10 metri; nei circa 13 minuti di volo il TELLO può essere usato praticamente in ogni luogo senza aver timore di far male a qualcuno e nemmeno di romperlo, visto il suo esiguo peso.

Volendo essere ligi, non è vero che il drone TELLO possa essere usato dappertutto, dato che legalmente non è un giocattolo, visto che sulla confezione riporta la scritta +14. Quindi per la legge italiana non è considerato un giocattolo e pertanto risulta classificato ai fini legali e normativi emessi da ENAC come un aeromodello. Pertanto il suo uso deve sottostare a tali limiti: Non si può volare in città sopra a persone e cose, lontano dagli aeroporti ecc. Rimandiamo l’elenco delle cose fattibili o meno da un aeromodellista con la lettura delle nostre FAQ.

Detto questo, sfidiamo qualsiasi persona ad affermare che il TELLO con i suoi para-eliche e il suo peso di circa 80 grammi possa costituire un serio pericolo per la navigazione aerea o per le persone sottostanti.

Migliorare (leggermente) distanza del volo e qualità di foto e video del drone TELLO

Per aumentare la qualità del flusso video e un pochino anche la distanza raggiungibile, (noi siamo arrivati a 120 metri di distanza ad una quota di 2 metri, ma si poteva fare meglio) è possibile acquistare un range extender WiFi, magari collegabile a un power bank per la sua alimentazione e con la spesa di circa 15 euro si ottengono prestazioni leggermente migliori.
Questo il link per il range extender Xiaomi da noi usato per la prova.

Come configurare il range extender Xiaomi per il drone TELLO

Questo ripetitore WiFi, si collega molto semplicemente. Si scarica dallo store per il proprio sistema operativo del device la app Xiaomi Home. Si abilita il bluetooth e si accende il ripetitore bianco. Sulla applicazione si avrà cura di NON settare regione europea o Italia e si tapperà sulla ricerca dispositivi.
Una volta trovato, si accenderà il TELLO e sempre tramite app Xiaomi Home, si sceglierà la WiFi del TELLO.
Ci si connetterà con o senza password a seconda di come avevate precedentemente configurato il vostro piccolo drone. Una volta connessi, si potrà chiudere la app e per sicurezza ci si disconnetterà dal range extender, magari spegnendolo.
Dopo averlo riacceso, con la applicazione di controllo del TELLO ci si connetterà non alla rete generata dal TELLO stesso, ma a quella creata dal range extender Xiaomi che si chiamerà TELLO_XXYYQQ_plus, in sostanza viene aggiunto un “_plus” al nome della rete del TELLO. Fatto.

Il drone TELLO oltre il suo limite di fabbrica dei 10 metri di quota

Inoltre sugli store Google Play per Android e Apple Store per iOS esistono alcune app, alcune gratuite e altre a pagamento che permettono di sbloccare il limite di fabbrica della altezza massima settata a 10 metri.

Nel nostro caso lo abbiamo testato con successo a circa una 20 di metri. La stessa applicazione lo sblocca sino a 30 metri, ma un disclaimer specifica che oltre i 20 non è consigliato. Per i sistemi operativi Android si chiama TelloAltLimitSetter
Un oggetto così piccolo e leggero, si vedrebbe davvero poco a 30 metri e il vento lo potrebbe portare ovunque.

Se spendere o meno la cifra di circa 100 euro per il drone TELLO dipende da voi, noi lo abbiamo fatto nonostante i suoi evidenti limiti, ma rimarremo per sempre bambini, a dispetto dalla carta di identità e della mancanza di marchiatura CE che lo classifichi come un giocattolo. 🙂

Questo il link  del video della prova.

 

3845 visite
Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: