Drone marino, bersaglio mobile: il ritorno alle origini

0

I droni così come vengono intesi oggi giorno sono per la maggior parte velivoli senza pilota adibiti a missioni civili o militari; veri e propri robot o mezzi a pilotaggio remoto, ma non nacquero con questa connotazione.

La storia del drone risale addirittura al 1916 con il velivolo Aerial Target controllato tramite onde radio e subito seguito dal aereo Hewitt – Sperry noto come ” bomba volante” un vero e proprio automa governato da giroscopi (le moderne centraline di controllo usano diversi sensori tra i quali giroscopi non meccanici, accelerometri, sensori di pressione ecc). Grazie alla continua innovazione tecnologica si arrivò alla seconda guerra mondiale dove Reginald Denny, che divenne poi attore e cantante progettò e costrui diversi velivoli a piotaggio remoto chiamati OQ-2 Radioplane.

OQ-2A-Radioplane target drone

OQ-2 target drone

I primi veri utilizzi dei droni, il cui nome induce ancora diverse interpretazioni tra la queli si parla del tipico rumore prodotto dal fuco il maschio dell’ape cha ha un ruolo tipicamente molto passivo. In effetti considerando che i droni all’epoca erano utilizzati principalmente come bersagli militari il nome assegnato calzava a pennello. I militari hanno sempre bisogno di esercitarsi in tutti i campi: terrestre, aereo e marittimo.

In effetti la sperimentazione marina non si ferma e i droni attuali che fungono da bersaglio e il cui scopo è sfuggire a cannoni, mitragliatrici, siluri sono sempre più sofisticati e perfezionati. L’azienda internazionale ASV Unmanned Marine System con stabilimenti negli Stati Uniti e  Inghilterra produce essenzialmente bersagli mobili, radiocomandati e intelligenti che solcano le onde del mare.

Il C-Target 3 Naval Target Drone è un drone veloce e maneggevole nato per testare missili e utilizzabile da solo o in gruppo. Lungo 3,5 metri con un peso di 325Kg e una velocità di 20 nodi sembra perfetto per provare la mira di cannonieri o manovre di assetto dei giovani capitani militari.

 

 

2001 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: