Studio sui droni impollinatori: dal 25 al 60% meglio delle api

0

Se non invertiamo la rotta dell’agricoltura attuale, un giorno le api potrebbero non esserci più, con conseguenze potenzialmente tragiche per le nostre coltivazioni. Per questo, oltre alle campagne per la salvaguardia delle api, da anni si studia il modo per sostituirle anche e soprattutto con la tecnologia.

Il contributo dei droni nell’agricoltura è stato fin da subito evidente per tutti. Volando sopra le coltivazioni, equipaggiati con sensori sofisticati e software di elaborazione dati, sono in grado ad esempio di segnalare se e quali piante hanno bisogno di cure, di maggiore nutrimento, di una ulteriore dose di pesticidi. Quello che non era ancora chiaro, al di là delle tante ipotesi che si sono fatte sull’uso dei droni come strumenti sostitutivi degli insetti impollinatori, era quanto fossero realmente efficaci in questo lavoro.

Dropcopter è un’azienda statunitense specializzata nelle applicazioni agricole dei droni che recentemente ha reso pubblici alcuni risultati del confronto tra impollinazione naturale (ad opera delle api) e artificiale (a mezzo drone). I dati hanno evidenziato come i droni siano degli ottimi sostituti degli insetti impollinatori, visto che sulle coltivazioni di ciliegie e mandorle hanno prodotto un aumento di impollinazione compreso tra il 25 e il 60%. Il miglioramento è stato tanto più netto quanto più le condizioni meteo avverse ostacolavano le naturali operazioni degli insetti, ad esempio nelle giornate più fredde.

Video: droni di Dropcopter in azione su un meleto

I risultati relativi alla produzione di mele sono stati invece sorprendenti. Mentre l’impollinazione naturale produce generalmente primi frutti molto più grandi e sviluppati di quelli che si formano dopo, con la conseguenza che spesso gli agricoltori sono portati a staccare e gettare quelli meno appetibili sul mercato, l’impollinazione ad opera dei droni ha determinato una maggiore dimensione dei frutti formatisi dopo i primi, riducendo gli sprechi ed aumentando il prezzo e i ricavi della produzione.  

1019 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: