Drone Hubsan Zino, primo contatto e unboxing

0

Appena fu presentato fece un gran parlare di se in quanto possibile concorrente del Mavic 1.
Si tratta del drone Hubsan Zino che ha cambiato nome un paio di volte prima di essere immesso definitivamente sul mercato.

Hubsan è una azienda cinese conosciuta da tempo sul mercato hobbystico per i suoi prodotti innovativi. Presentava quasi 10 anni fa alcuni piccoli aerei a pilotaggio remoto con il display integrato nel radiocomando.In seguito ha sempre prodotto droni di fascia media che garantivano comunque una certa affidabilità coniugata a una estetica e con soluzioni pratiche e simpatiche.

Drone Hubsan Zino primo contatto e impressioni

Il drone Hubsan Zino come si diceva prima, è un quadricottero con distanza interasse tra i motori di 38cm. Dimensioni simili al cugino della blasonata marca con la possibilità di ripiegare i bracci.
Da chiuso è veramente molto trasportabile e leggero.
Pesa infatti solo 700 grammi e anche la radio è leggera e compatta.
Le gambette anteriori che allontanano il gimbal con telecamera dal suolo, incorporano le antenne per il video, la telemetria e il controllo del drone Hubsan Zino.
Le eliche pieghevoli hanno un metodo di fissaggio ai motori abbastanza datato, con le classiche vitine.

Unboxing e descrizione dei componenti

Una volta aperta la confezione sobria e spartana allo stesso tempo, si possono vedere i vari componenti del drone riposti con ingegno.
Oltre al drone Hubsan Zino al interno della scatola di colore bianco si trova il radiocomando, un alimentatore collegabile alla presa da muro italiana a 220 volts. Un set di eliche di ricambio, un carica batteria che si accoppia al alimentatore, una serie di cavetti per la connessione tra radiocomando e smartphone.

Appena estratto il drone dalla confezione e preso in mano, ci si accorge che le plastiche che lo compongono sono robuste. L’apertura dei bracci del drone Zino è facile e intuitiva.
Occorre prestare attenzione a non fermarsi al primo click, ma estendere le braccia sino a che non si fermano a fine corsa. E’ scritto anche sulle etichette adesive presenti su ogni braccio del quadricottero.

Contenuto della confezione del drone Hubsan Zino

Un controller spartano, ma funzionale

Lato radiocomando o controller come si dice al giorno d’oggi, troviamo sulla parte superiore le antenne che in posizione di riposo rimangono leggermente oblique e non si sovrappongono.
Non è una cosa fastidiosa, ma si poteva pensare a una soluzione simile a quella di altre radio della concorrenza.

Semplice e pratica l’estensione inferiore per l’alloggiamento dello smartphone. Con una leggerissima forza si allunga il fondo del controller che crea uno spazio dove sistemare comodamente anche devices di grosse dimensioni.
Unica accortezza verificare di non premere gli eventuali pulsanti laterali dello smartphone.

Sempre sulla radio del drone Hubsan Zino, i vari pulsanti ergonomicamente disposti, recano una incisione che spiega la loro funzione. Nessun rischio di perderne le indicazioni con la normale usura quindi.

Applicazione per il controllo del drone Hubsan Zino

Oramai come consuetudine occorre scaricare dagli store per iOS o Android la applicazione X-Hubsan adatta a molti droni dello stesso produttore.
Applicazione abbastanza leggera circa 90 mbyte che a dire il vero si è bloccata su un telefono in nostro possesso.
Una volta cambiato device ha funzionato senza intoppi.

Occorre registrarsi sul sito di Hubsan se non si possiede un account; cosa fattibile direttamente dalla app.Verranno richiesti username, password, sesso e nazionalità.

Dopo aver fatto il login un breve tutorial spiega come eseguire la prima attivazione e il binding (cioè l ‘accoppiamento tra radio e drone).
Si accendono il drone Hubsan Zino, il controller e poi si cerca nella app l’indicazione con l’icona del radiocomando e si seguono le istruzioni sullo schermo.

Subito dopo si possono vedere sul display del device tutte le indicazioni a cui siamo abituati: modi di volo, waypoint, settaggi della camera, procedure per la calibrazione del quadricottero e ovviamente tutta la telemetria. Satelliti ricevuti, distanza e altezza del drone ecc.

Drone Hubsan Zino caratteristiche principali

Tra le caratteristiche di targa del drone Hubsan Zino spiccano certamente l’autonomia dichiarata di 25 minuti, la possibilità di eseguire la funzione Follow Me (che segue il detentore del controller con smartphone), piuttosto che l’Active Track che invece grazie alla telecamera sul drone segue un soggetto selezionato.
Piacevole anche la possibilità di impostare una serie di Waypoint entro il raggio massimo di 1km.
Comprese le immancabili features di decollo e atterraggio automatico, Return to Home.
Mancano invece sensori anti collisione e sistemi visuali di posizionamento senza GPS.

La distanza massima raggiungibile dal drone Hubsan Zino e di 1km circa. Ben superiore a tutti i limiti normativi attuali, ma tale da garantire una buona copertura del segnale (verificheremo poi nella prova di volo).
Relativamente al comparto video-fotografico, Hubsan Zino può registrare sino a 4k e la sua camera è stabilizzata meccanicamente con un gimbal sui 3 assi.

Hubsan Zino, prime impressioni

Le prime impressioni da questo breve unboxing, considerando la fascia di mercato nella quale si colloca il drone Hubsan Zino sono positive. Naturalmente per il giudizio finale sarà necessario vederlo in volo e constatare la bontà di foto e video registrati.
Questo drone si trova in commercio in una forchetta di prezzi che variano dai 280 ai 400 euro. A seconda delle condizioni offerte, delle spese di trasporto e della garanzia e assistenza offerta.
È vero che su molti dei più blasonati siti di e-commerce asiatici i prezzi sono inferiori, ma nella maggior parte dei casi nella sfortunata ipotesi di un malfunzionamento, ci si ritrova un mano con un pugno di mosche.
L’acquisto presso un rivenditore ufficiale italiano, quale G&G Distribution ad esempio che ci ha gentilmente prestato il modello da provare, in questo caso garantisce anche assistenza post vendita (per i propri clienti) a fronte di un prezzo di acquisto più alto.

Video con le  brevi istruzioni per attivare il drone Hunsan Zino la prima volta, per caricare le batterie e primo unboxing, in testa a questo articolo.

554 visite
Commenta:

Segui DronEzine sui social: