Droni francesi sullo Stromboli

0

ID2 Solutions è riuscita, grazie alla consulenza di SAPRItalia di Torino, ad ottenere le autorizzazioni e il NOTAM per volare sul vulcano Stromboli, affettuosamente soprannominato “iddu” (esso) dai siciliani.
L’operazione è un’ iniziativa della facoltà università di vulcanologia dell’Università di di Clermont Ferrand che con l’ausilio di un SAPR misurerà i valore dei diversi gas che eruttano dal cratere dello Stromboli, che è uno dei vulcani più attivi del mondo, contraddistinto da una continua attività esplosiva. L’edificio vulcanico si innalza per quasi mille metri sul livello del mare, ma prosegue anche sotto per una profondità che varia tra 1300 e 2400 metri. I voli del drone francese sono serviti anche a fare dei test su diverse attrezzature per “misurazioni remote” per valutare la densità delle ceneri vulcaniche.
Olivier Fontaine, Ceo di Sapritalia, ci ricorda che “nel 2010 un vulcano Islandese mandò in tilt tutta l’aviazione e le rotte transatlantiche”. E promette di parlarcene in un articolo che scriverà in seguito a questa operazione.

1011 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: