HELI LAB, startup siciliana under 35

0

Di Marco Saponaro

Nata dalla collaborazione tra Giuseppe Spallina e Antonio Raspanti, amici fin dall’infanzia, accomunati dalla passione per il volo e per la tecnologia, Heli-Lab è stata fondata nel dicembre 2014 iniziando lo scouting con diversi fornitori e stringendo accordi di collaborazione con l’italiana Italdron, diventando così ufficialmente operativa nell’aprile 2015 dopo aver intrapreso il lungo iter burocratico che ormai tutti noi conosciamo.

L’idea di Giuseppe e Antonio è piaciuta subito ai loro amici che sono subito entrati a far parte del gruppo facendo acquisire alla startup siciliana un team di professionisti in svariati settori: Debora Di Matteo esperta di comunicazione e marketing, Chiara Carlevaro project manager specializzata in gestione di progetti internazionali, Laura Spallina architetto e Aurelio Reale eccellente pilota certificato, tutti con esperienze professionali e competenze eterogenee e distribuiti tra Catania, Milano, Genova e Torino.

Heli-Lab oltre ad offrire svariati servizi con i SAPR, tra cui anche le riprese aeree per la fiction “Il giovane Montalbano”, è una vera e propria fabbrica di idee, da qui il nome “LAB” infatti come ci racconta Antonio: “… la cinematografia rimane un indotto importante che dà senz’altro anche delle soddisfazioni ma per noi rappresenta solo il punto di partenza della nostra attività; un modo per finanziare la ricerca che giornalmente portiamo avanti in Heli-Lab il cui nome già racchiude appunto il LAB ossia la sperimentazione”

Heli-Lab vanta la partecipazione a molte iniziative e concorsi tra cui al premio Gaetano Marzotto, la più grande competizione per startup italiane: “…noi abbiamo presentato il progetto E.F.E.S.T.O. un sistema che integra droni e soluzioni ICT per applicazioni antincendio e monitoraggio ambientale arrivando tra le prime 22 aziende abbiamo vinto 6 mesi di affiancamento presso il Parco Tecnologico Padano di Lodi” ci racconta Giuseppe.

Come ultimissima attività, c’è la sperimentazione MachineToMachine portata al termine con la collaborazione dell’università di Catania e il loro partner VICOSYSTEM. L’obiettivo è quello di trasformare il drone in un vero e proprio pc volante connesso ad internet, garantendo inoltre una maggiore banda e continuità del collegamento alla rete dati offerto dal sistema radiomobile classico. Ciò è stato reso possibile attraverso l’aggregazione della potenza di banda di più SIM dati appartenenti anche ad operatori telefonici diversi. Per maggiori informazioni potete consultare questa pagina della startup.

1500 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: