Premier australiano: “Il futuro del salvataggio? Un elicottero robot”

0

Nel Nuovo Galles del Sud, uno stato dell’Australia sudorientale, gli attacchi degli squali ai bagnanti sono un problema serio, se ne contano a decine ogni anno. Per proteggere bagnanti e surfisti, il governo locale sta sperimentando con successo un elicottero drone del valore di circa 250 mila dollari australiani. Il premier dello Stato federato, Mike Baird, lo ha definito “il futuro del salvataggio” e ha promesso di fare in modo che ogni spiaggia e club nautico del Nuovo Galles del Sud abbia accesso alla tecnologia.

L’uso dei droni bagnini in Australia è nato dalla fantasia del filantropo e imprenditore Kevin Weldon, fondatore e presidente della International Life Saving Federation. Il drone è un  Vapor 55 prodotto dall’australiana Skyline, nato per applicazioni militari.

Ribattezzato “Little Ripper” (il piccolo squartatore, speriamo non in relazione a quel che può fare se il rotore urta la pancia di qualcuno) il Vapor 55 è un elicottero da 16 kg con motore elettrico che muove un rotore da 1600 millimetri. Ha un’ora di autonomia (45 minuti in hovering) e può portare un payload di ben 10 chili. Peso che in questo genere di missioni si traduce in un kit di sopravvivenza da lanciare vicino alle persone in difficoltà, con contenuto che varia a seconda che l’infortunato sia in acqua, sulla terra o sulla neve. Nel caso della sperimentazione australiana, il carico consiste in un battello autogonfiabile per tre persone, un localizzatore GPS e un repellente antisquali.

In aggiunta, gi australiani stanno studiando una telecamera ad alta risoluzione che possa autonomamente individuare la shilouette di un pescecane che nuota sotto il pelo dell’acqua, ma questo algoritmo ancora è in fase di sviluppo.

Nel frattempo, l’International Life Saving Federation ha messo in piedi una accademia per addestrare i bagnini australiani all’uso del drone, che è largamente autonomo nelle sue missioni.

Gallery

 

715 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: