Ispezioni impianti: l’Europa dell’energia è pazza dei droni

0

Per molti manager, i droni sono stati un amore a prima vista, ma anche i più scettici sembrano essersi convinti, almeno nel settore energetico europeo, dell’opportunità del loro utilizzo. Del resto, lo spettro incombente della crisi energetica è una leva molto importante che spinge le compagnie energetiche a rendere i loro processi produttivi sempre più efficienti, tagliando i costi dove possibile. E in questo senso, dalle piattaforme petrolifere ai grandi impianti fotovoltaici, l’impiego di droni per le ispezioni rappresenta la migliore soluzione attualmente a disposizione per produrre di più spendendo di meno.

Questo almeno è quanto emerso durante l’ultima edizione dell’European Photovoltaic Solar Energy Conference and Exhibition di Monaco, in Germania, dove i droni hanno conquistato tutti gli addetti ai lavori, raccogliendo un coro unanime di grande soddisfazione grazie ai casi studio di successo che li hanno visti protagonisti.

In Svizzera, uno studio presentato da alcuni ricercatori della facoltà di Scienze Applicate dell’Università di Berna ha evidenziato che l’adozione dei droni per le ispezioni di due grandi impianti solari, caratterizzati da costruzioni e topografia particolarmente complesse, ha determinato evidenti benefici economici. Il team di ricerca ha testato e personalizzato un DJI S-1000+, un ottacottero in grado di trasportare le grandi e pesanti batterie necessarie per le attività di ispezione, equipaggiato con una GoPro e una camera ad infrarossi sviluppata in Germania. Il drone ha controllato i due impianti, per un totale di oltre 11mila moduli solari, evidenziando la presenza di moduli difettosi, che sono stati prontamente sostituiti per evitare la perdita di energia.

Altrettanto soddisfatto il manager della spagnola Enertis, Alvaro Velasco, che ha così sintetizzato  il vantaggio offerto dai droni rispetto ai sistemi di ispezione tradizionali: “Il lavoro che puoi svolgere in due settimane con due persone che girano per un intero impianto, ottenendo solo delle immagini dell’area, può essere svolto da un drone in pochi giorni”. Parlando dei successi ottenuti con le ispezioni di impianti solari per conto di alcuni clienti della sua azienda, Velasco ha sottolineato come “I droni riducono drasticamente il tempo impiegato sul sito, che di solito è la parte più costosa del lavoro”.

droni ispezioni impianti solari

In Francia, Venissieux Energies ha invece utilizzato droni muniti di videocamere termiche per ispezionare diverse miglia di gasdotti, alla ricerca di crepe che potessero causare pericolose perdite di gas e per avere una fotografia complessiva del sistema di tubazioni per futuri lavori di implementazioni e migliorie.

Tutti d’accordo insomma, i droni sono il sistema migliore per le ispezioni di impianti energetici. E non ne siamo convinti solo in Europa, dal momento che l’ondata di entusiasmo nel settore energetico del vecchio continente ha già contagiato altre aziende in india e ovviamente negli USA, più precisamente negli stati del New Hampshire, California e New York.

456 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: