ENAC vicina alla pubblicazione degli scenari standard, operazioni critiche più facili per i droni

0

Ci aspettavamo che entrassero nell’Emendamento di Capodanno. Così non è stato, ma ENAC si appresta (finalmente) a pubblicare gli scenari standard, in pratica un sistema per rendere molto più semplice l’accesso alle più comuni operazioni specializzate critiche.

Dopo la Befana, Enac pubblicherà ufficialmente i nuovi scenari operativi standard, legati al peso degli APR. Riassumendo, circa l’80% di quelle che sono ora le “Operazioni critiche” e quindi sottoposte a specifica autorizzazione da parte dell’Ente, rientreranno tra le tre tipologie di scenario standard, anche in ambiente urbano, senza il sorvolo di persone,  e quindi basterà la semplice autodichiarazione, come per le non critiche.
Questo significherà tempi ridotti per poter operare con questi scenari.

“Per le operazioni che non potranno rientrarvi servirà sempre chiedere l’autorizzazione, ma trattandosi di numeri molto ridotti, i tempi di risposta saranno più brevi, verosimilmente entro una decina di giorni. Attendiamo la pubblicazione con interesse, perché questa modifica potrà avere un grande impatto positivo per gli operatori” ci spiega Gian Francesco Tiramani, esperto di applicazioni e divulgatore

Addirittura almeno  uno scenario standard a quanto si sa non prevede il terminatore di volo, ma non sappiamo se è una svista o se è dovuto alla quota particolarmente bassa (15 metri e 30 di raggio massimo) che lo rende inutile: insomma, prima di entrare nel dettaglio aspettiamo la pubblicazione, giusto per vedere se le cose saranno davvero come si dice o se l’Ente farà un po’ di taglia e cuci. Per intanto, questo è quanto ci è dato di sapere (cllcca sullo scenario per ingrandire):

ATTENZIONE, SI TRATTA DI BOZZE, NON DEFINITIVE

(pervenute da una fonte non ufficiale che desidera rimanere anonima: le pubblichiamo così come le abbiamo ricevute, senza alcuna garanzia della loro validità e nemmeno del fatto che resteranno così a pubblicazione definitiva)

 

2759 visite


Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: