DJI Goggles, e il drone si pilota con la testa

0

Il produttore cinese rivela i dettagli degli occhiali nati per il volo FPV con Mavic e Phantom. Più che occhiali, sono veri e propri caschetti da realtà virtuale, con due schermi integrati da 1280 x 1440 pixel, che è più del 1080×1200 del noto Oculus Rift,che fino a oggi era la pietra di paragone per questo genere di device. E tenendo conto della sovrapposizione dei campi visivi si arriva a una definizione totale di 1920×1080 pixel.
E naturalmente sono compatibili con OcuSync, la tecnologia DJI per lo streaming wireless delle riprese della camera di bordo dei droni cinesi, a 1080p con latenza di soli 110 millisecondi.

Schermata 2017-04-25 alle 12.04.18Indossare i DJI Goggles è come guardare uno schermo cinematografico di 216” a casa, a una distanza di circa 3 metri” dicono, forse tirandosela un pochino, in DJI. Con OcuSync si possono connetere anche due Google a ogni Mavic o Phantom, Un touchpad integrato nei DJI Goggles rende la navigazione nel sistema di menù interno semplice, fornendo facile accesso a importanti funzioni di volo intelligente quali ActiveTrack, TapFly, Terrain Follow, Cinematic Mode e Tripod Mode. In Fixed Wing Mode, i DJI Goggles presentano un modo completamente nuovo di volare con il Mavic Pro. In questa modalità, il velivolo vola in avanti con sufficiente movimento rotazionale da simulare un volo realistico. Una funzione di previsione di tragitto in realtà aumentata in Fixed Wing Mode rende questa modalità molto più sicura in ambienti complessi.

Schermata 2017-04-25 alle 12.03.35L’Head Tracking, una funzione sui DJI Goggles, permette agli operatori che usano le serie Mavic Pro o Phantom 4 di usare i movimenti della testa per controllare sia l’imbardata del velivolo che l’inclinazione della videocamera. Girare la testa è come muovere lo stick di controllo – gira a sinistra o a destra per imbardare verso sinistra o verso destra, e raddrizza la testa per fermare la rotazione. Volare da soli in FPV è vietato, non solo in Italia, però un uso legale e intelligente dei Google è quello di  è quella di usare I DJI Goggles per controllare esclusivamente il gimbal, mentre il pilota mantiene il controllo del velivolo con la radio e a occhio nudo, come vuole la legge. Oppure essere in due piloti, uno con la radio (che si assume la responsabilità del volo e interviene se necessario) e uno con la radio in mano. 

Design

Schermata 2017-04-25 alle 12.03.19Il caschetto distribuisce il peso dei DJI Goggles intorno alla testa, minimizzando la pressione sulla faccia e massimizzando il comfort. I DJI Goggles consentono all’operatore di cambiare la visuale da terza in prima persona in pochi secondi, basta alzare la visiera per vedere il velivolo e l’ambiente circostante. Lo schermo e la fascia possono essere staccati per trasporto e conservazione.

Collegamento ai dispositivi

Una gamma di interfacce è incorporata nei DJI Goggles, permettendogli di funzionare con diversi dispositivi. I DJI Goggles possono sincronizzarsi con il Mavic Pro attraverso il sistema di trasmissione OcuSync di DJI, mentre I droni Phantom 4, Phantom 4 Advanced, Phantom 4 Pro e Inspire 2 possono connettersi attraverso la porta USB del radiocomando. Una scheda Micro SD integrate consente agli operatori di scaricare i file dal velivolo sugli occhialini o di visionare i file video sul momento. Inoltre, un input HDMI permette ai DJI Goggles di connettersi a un dispositivo video per vedere film o giocare ai video giochi.

Schermata 2017-04-25 alle 12.03.09L’esperienza visiva in prima persona dei DJI Goggles funziona con le piattaforme aeree di DJI tra cui la serie Mavic Pro e Phantom 4, e la serie Inspire (le funzioni di volo intelligenti con l’uso del touchpad varia da ciascun modello di velivolo). Con la massima carica, i DJI Goggles sono intermanete operative per un massimo di sei ore. Ad un prezzo di 549 €, i DJI Goggles potranno essere spediti dopo il 20 maggio 2017.

1629 visite


Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: