Cosa vedremo e chi incontreremo a Dronitaly: Italdron leader di mercato italiano

0

Sono passati solo 6 anni, ma data la veloce evoluzione tecnologica sembra passata una era geologica. I media nazionali iniziarono a parlare di Italdron nel 2012 dove su SkyNews24, passarono i loro primi servizi di riprese aree realizzate con il drone durante il terribile sisma che colpì l’Emilia Romagna. Da allora i “ragazzi” ravennati, che pilotavano un piccolo quadricottero con le eliche installate nella parte inferiore dei bracci che si chiamavano Scrabble, ne hanno fatta molta di strada e anzi hanno percorso parecchie miglia nel cielo.

Eravamo presso la loro sede giusto ieri e ci hanno raccontato particolari di eventi molto di moda, ma sui quali non possiamo raccontare nulla. Ci pare doveroso pubblicare qui di seguito una intervista effettuata da Mirumir che chiede ai responsabili Italdron cosa presenteranno a Dronitaly 2018 i prossimi 23 e 24 marzo. Una storia di successo tutta italiana è il caso di dirlo e va letta con attenzione.


Un universo di droni: dalla progettazione, realizzazione, commercializzazione dei più sofisticati SAPR (Sistemi di aeromobili a pilotaggio remoto) fino all’Academy dove professionisti e neofiti diventano piloti, passando per la sperimentazione e progetti innovativi in Italia e all’estero. E’ in sintesi quello che oggi rappresenta Italdron, una realtà nata 10 anni fa da un progetto di tre giovani soci che “hanno deciso di scommettere su un’idea innovativa e futuristica” – racconta Tommaso Solfrini, uno dei fondatori e direttore commerciale di Italdron – Oggi è leader italiano di mercato nel proprio segmento, con mire a livello internazionale e a Dronitaly “presenterà in anteprima la nuova gamma di SAPR per i rilievi in ambito industriale”.

Come è nata Italdron e che tipo di realtà rappresenta oggi?

Italdron è nata nel 2008 a Ravenna sperimentando tecnologie e applicazioni, imparando dall’esperienza dell’innovazione tecnologica sul prodotto e sulla metodologia di utilizzo. Capire i bisogni del mercato, dell’utente è il nostro punto di forza. Dopo 10 anni abbiamo un know-how che ci rende unici, non come semplice operatore, ma un valido interlocutore per medie e grandi imprese alla quali forniamo soluzioni chiavi in mano in molti settori come quelli della sicurezza, controllo, ispezioni. Siamo un gruppo che ha al suo interno tre differenti realtà: Italdron, Italdron Academy e la società commerciale Woop. Il fatturato complessivo del gruppo si aggira intorno ai 2,5 milioni di euro con uno staff composto da 25 figure professionali tra dipendenti e collaboratori.

Quali sono le caratteristiche e peculiarità dei vostri prodotti?

I punti di forza dei nostri prodotti sono la completa rispondenza alla normativa italiana, essi sono caratterizzati da affidabilità – siamo arrivati fino a 50mila missioni senza anomalie – e  da un consolidato know-how applicativo per specifiche aree come per esempio i rilievi, controlli non distruttivi, precision farming, sorveglianza, digitalizzazione di asset e territorio. Tra i nostri clienti contiamo realtà di riferimento come Enel, Vodafone, insegne della grande distribuzione e moltissime università con cui collaboriamo anche a livello scientifico.

Italdron è attiva anche nella formazione. Che tipo di approccio e di mercato c’è oggi in Italia?

Siamo attivi nella formazione dal 2016, ovvero da quando è in vigore il nuovo regolamento. Abbiamo ricevuto per primi la certificazione da Enac e operiamo su 14 basi che coprono tutto il territorio nazionale, isole comprese. Proponiamo corsi per attività critica e non critica. La nostra offerta è caratterizzata da una formazione professionale, a tutto tondo che partendo dalla formazione al volo sfocia in corsi verticali per applicazioni in diverse specialità. La nostra formazione è aperta a tutti, vengono anche neofiti che vogliono avviare un’attività in questo settore, ma la maggior parte della domanda proviene da professionisti come ingegneri e tecnici che hanno bisogno di specializzarsi per ampliare le proprie competenze tecniche. L’età dei nostri studenti oscilla tra i 20 e i 55 anni, molti uomini ma con una componente femminile in forte crescita.

Siete anche impegnati in progetti sperimentali in Italia e all’estero. Ci può raccontare i più significativi?

In molti paesi siamo presenti con distributori locali, come in Sud America, Paesi Emirati e in alcuni stati dell’Europa. Partecipiamo a fiere internazionali: siamo stati al Commercial UAV Show di Londra, Intergeo ad Amburgo e Berlino, Uav Show Bruxelles. Il nostro obiettivo è quello di affermarci nei mercati internazionali come provider di soluzioni professionali Made in Italy. Nel corso di questi anni siamo stati coinvolti in varie attività di sperimentazione e sviluppo di Business Case,tra i quali quello condotto negli Emirati ad Abudabi per il rilievo delle Ethiad Towers. L’attività di building inspection è nata a seguito di problemi di inefficienze energetiche sulle facciate a vetro continuo. Abbiamo fatto parte di un team tecnico in collaborazione con il nostro partner locale, per una operazione che presentava numerose complessità: venti fortissimi oltre 30 km/h, temperature elevate, quote di volo superiori ai 300 metri e non ultimo il superamento delle questioni normative ed autorizzative, dato lo scenario critico e la presenza di palazzi governativi vicino alla zona di lavoro.

Che cosa presenterete a Dronitaly?

Presenteremo la nuova gamma di soluzioni SAPR 2018 per rilievi, ispezioni, e vigilanza in ambito industriale. Il nuovo SAPR Levante per sorveglianza e controllo con autonomia di oltre 80 minuti continuativi, la gamma dei prodotti per rilievi EVO 4HSE e BIG ONE 8HSE con tecnologia RTK, insieme ai nuovissimi Payload multisensore per agricoltura, rilievi termici e ispettivi con  trasmissione live HD. L’impiego di droni o SAPR dotati di questi sensori di nuova generazione permettono di agire in modo economico e preciso sulla digitalizzazione degli asset ed acquisizione di informazioni multiple. Un processo applicabile ad immobili civili, commerciali e industriali oltre che a grandi opere ed infrastrutture permettendo di gestire in modo dettagliato e scalabile un alta quantità e qualità di informazioni, durante l’evento sarà possibile osservare casi d’uso ed Output ricavati dalla nostra flotta.

Maggiori informazioni o prenotazioni dei biglietti per Dronitaly 2018 a questo link.

1056 visite
Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: