Robofly, il mini drone insetto alimentato col laser!

0

Droni sempre più miniaturizzati nel nostro futuro, che da stare sul palmo della nostra mano passano ad occupare appena lo spazio di un nostro polpastrello. Non è una novità rivoluzionaria, abbiamo visto diversi modelli di microdroni assomigliare agli insetti non solo per lo stile del volo o per il comportamento di sciame, ma anche e soprattutto per via delle loro dimensioni.

Il limite più grande resdimensioni roboflyta quello dell’alimentazione. Velivoli così piccoli e leggeri hanno pur sempre bisogno di una dose di energia per muovere le eliche o battere le ali per librarsi in volo, un apporto di energia che richiederebbe una batteria che in proporzione sarebbe più grande e pesante del drone stesso e di conseguenza finirebbe per precludergli di alzarsi da terra. Al momento l’opzione migliore è quella di attaccare i micro velivoli a un cavo di vincolo che fornisca al motore l’energia elettrica di cui ha bisogno, ma non può essere un’alternativa valida.

Per questo i ricercatori studiano altre possibilità, tra cui quella di Robofly, un micro drone che è grande quanto una mosca e viene alimentato da un raggio laser. Sì, avete capito bene: perché installare una pesante mini batteria a bordo del velivolo se possiamo renderlo capace di assorbire e trasformare l’energia trasmessa da una fonte esterna senza usare un collegamento fisico?

Video: Come vola Robofly, il drone grande come una mosca alimentato col laser

Sviluppato dai ricercatori della Washington University, Robofly fa proprio questo. Come ci riesce? Grazie a una microscopica fotocellula che può essere bersagliata a distanza da un raggio laser invisibile, e che è in grado di trasformare l’energia luminosa in energia elettrica. Con questo ingegnoso sistema, Robofly riceve 7 volt di energia, che diventano 240 passando attraverso il micro circuito di bordo che rifornisce il motore.

506 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: