Italdron dal red carpet, al Colosseo passando per le Frecce Tricolori

0

Siamo nel pieno dell’estate periodo ottimale per chi produce droni o esegue servizi per mettere sul campo o meglio nel cielo i propri velivoli a pilotaggio remoto.
Tra Frecce Tricolori, fuochi di artificio, le varie corse pedestri non competitive, concerti e quanto altro, non passa giorno che sui vari notiziari o sui blog tecnologici, non si parli di droni e delle loro apparizioni nei contesti più disparati.

Attività apprezzate dalle varie regie televisive che oramai devono avere qualche immagine dall’alto personalizzata sulla visualizzazione del proprio evento.

Italdron nome ben conosciuto nell’ambiente “dronistico”  e presente sin dal 2008 prima come partner di servizi aerei e poi quasi subito come produttore di droni e soluzioni per APR, non tralascia qualche occasione mondana per essere presente sul territorio nazionale e perché no, far parlare anche della propria attività.
Italdron da sempre concentrata su applicazioni industriali, rilevi , ispezioni non ha comunque perso le occasioni di essere presente con un posto in prima fila in occasione di eventi di rilevo nazionale, magari meno redditizi dal solo punto di vista economico,, ma che le hanno dato ulteriore visibilità, nel caso ce ne fosse ancora bisogno.
Tra queste attività fuori dal core business dell’azienda ravennate, ha fatto certamente parlare la collaborazione primaverile con Dolce e Gabbana che ha scelto i droni di Italdron per supportare le modelle durante le sfilate di moda o per realizzare particolari fotografie usando i droni come accessori relativi alla loro ultima collezione.

Innovazione e novità quindi per i droni che con estrema eleganza hanno portato a spasso lungo la passerella le creazioni di Domenico Dolce e Stefano Gabbana.

Per non parlare dell’evento / concerto de “Il Gladiatore” svoltosi lo  scorso 6 giugno nella storica cornice capitolina del Colosseo, dove un dirigibile vincolato o meglio un aerostato di circa 6 metri, con controllo remoto  del velivolo e naturalmente della camera aerea; ha volato sopra le teste di poche importantissime cariche pubbliche e del mondo dello spettacolo.
VIP che hanno pagato cifre ben lontane dal portafogli delle persone comuni (i prezzi per i biglietti si sono attestati intorno ai 3.000 euro cadauno ndr) per un evento il cui ricavato è stato in parte devoluto in beneficenza per la lotta contro la Poliomielite.

“E’ un anno cruciale per Italdron, stiamo lavorando tantissimo sia nel settore industriale sia in quello manifatturiero con il concretizzarsi di importanti commesse e partnership” – racconta Tommaso Solfrini – ” per noi è comunque importante essere presenti anche in occasioni definiamole mondane e di grande visibilità.”

“Anche quest’anno eravamo presenti alla manifestazione delle Frecce Tricolori di Bellaria e Igea Marina, ma onestamente  ammettiamo che non fa più notizia di tanto. Bisogna considerare che nel 2014 eravamo a fianco delle Pattuglia Acrobatica Nazionale nell’Airshow a Pratica di Mare con un vento di 45/50 nodi; quella si che è stata una esperienza interessante!
Italdron vuole continuare ad essere  un fornitore non solo di droni industriali ” –
prosegue il co-fondatore di Italdron – “ma portatori di soluzioni alternative sia dal punto di vista tecnologico sia di innovazione.”

709 visite

Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: