Drone con termocamera dei Vigili del Fuoco di Trento individua donna dispersa

0

L’avventura finita bene per fortuna, è iniziata mercoledi 11 luglio alle 23 circa con un telefonata al 112 che poi è stata dirottata al 115 dei Vigili del Fuoco.
Non si trovavano più le tracce di una giovane donna di trenta anni, che era scomparsa dopo un litigio con il suo fidanzato.

La coppia alloggiava in uno chalet a Val di Tovel e i due erano usciti per una escursione, ma dopo una diverbio hanno intrapreso strade diverse. In tarda serata il fidanzato ha lanciato l’allarme telefonando ai Carabinieri che a loro volta hanno richiesto l’intervento dei Vigili del Fuoco.

Il Corpo dei Vigili del Fuoco di Trento con i loro reparti SAF (gruppo soccorsi speciali) e SAPR (Servizio Aeromobili a Pilotaggio Remoto) sono partiti quindi alla volta di Val Tovel  situato nel comune di Tuenno, in Val di Non.
Si sono uniti alle ricerche anche i Vigili degli altri comuni adiacenti, utilizzando di comune accordo cani da ricerca per le indagini a terra e i droni in dotazione all’unità di Trento per le ispezioni aeree.

E’ stato proprio grazie a un drone pilotato dagli uomini di Trento, dotato di una speciale termo camera in grado di rilevare le differenze di calore, a scoprire una macchia gialla in mezzo alla vegetazione. [vedi il video in testa all’articolo].
Dopo questo avvistamento, i Vigili del Fuoco impegnati nelle ricerche a terra, sono stati capaci di raggiungere la donna che era in buone condizioni fisiche, ma decisamente molto scossa e spaventata.

Alle 3:45 si è conclusa positivamente questa brutta avventura risolta grazie alla preparazione e alla tenacia dei Vigili del Fuoco, ma anche grazie alla tecnologia dei droni che di giorno in giorno si dimostra sempre più importante e utile, specialmente nel salvataggio delle vite umane.

 

 

1395 visite
Share.
Commenta:

Segui DronEzine sui social: