Rescue Drone Network inizia a formare i piloti per le missioni di ricerca e soccorso

0

Sono già 180 i soci aderenti a Rescue Drone Network, la rete di volontari che vogliono attivamente dare una mano sul campo e operativamente in caso di emergenze.
Tra un paio di settimane inizierà il percorso di formazione per i propri volontari con un primo campo di addestramento, “DELTA TANGO 1” che si terrà in località Mareto in comune di Farini (PC).

Campo di addestramento Delta Tango 1

In provincia di Piacenza il 15 e 16 dicembre 2018 saranno impegnate una settantina di persone, provenienti da diverse regioni italiane (quasi tutti piloti SAPR).
Questo primo campo sarà dedicato alla sperimentazione tecnologica e delle modalità di intervento per la ricerca di persone in aree impervie e si terrà indipendentemente dalle condizioni meteo, proprio per testare l’operatività in ambienti ostili.

In questa ottica le squadre nella giornata di sabato condurranno le seguenti attività:

  • realizzazione di una infrastruttura di rete locale per comunicazioni fonia e dati nell’area delle operazioni (indipendente da providers esterni)
  • definizione linee guida e sperimentazione delle modalità di rilievo e modellazione 3D a mezzo droni per fornire ai Centri di Comando e Controllo (come Di.Coma.C.CCS, COR COM, COC) informazioni sull’estensione dell’area interessata dall’evento, sui danni subiti, sulle vie di accesso, sulle aree di atterraggio per elicotteri, ecc. Verranno testate diverse modalità di elaborazione dei set acquisiti (in locale e su workstation remote)
  • sperimentazione di termo-camere su droni per l’individuazione di persone in vita con rilevazione di diversi parametri atmosferici e del suolo per l’analisi dei delta termici nelle variazioni orarie e la definizione dei parametri da utilizzare (palette significative, range di temperatura, quota di volo in base alla risoluzione dei sensori)
  • sperimentazione di sistemi di amplificazione sonora su droni per comunicare con le persone da soccorrere
  • sperimentazione di sistemi di illuminazione da droni
  • sperimentazione di Hotspot wireless con modem 4G su drone a servizio dell’area delle operazioni
  • sperimentazione della trasmissione live di immagini video da drone alle squadre di ricerca a terra, per garantire loro sicurezza e monitoraggio continuo dell’area da esplorare (sia con streaming live dei video in arrivo da droni e visualizzabili su monitor portatili che con server che ricevono le immagini dai droni e le diffondono direttamente agli smartphone dei soccorritori su rete locale)
  • addestramento per attività di Mantracking, tecnica di derivazione militare che può cambiare in modo significativo l’esito delle ricerche di persone disperse. A fare la formazione sarà Paolo Bozzo, l’unico specialista in Italia che ha formato e forma Militari e Forze dell’Ordine.
  • definizione e test delle comunicazioni aeronautiche in emergenza con l’intervento di operatori del controllo traffico aereo.

Prove tecniche di ricerca dispersi e ricerca con i droni

Nella mattinata di domenica saranno attivate alcune procedure simulate per la ricerca  di persone scomparse con l’ausilio dei diversi sistemi sperimentati il giorno precedente.Saranno allestiti un Centro di Comando e Controllo presso l’albergo locale, dove sarà possibile ricevere sia le comunicazioni radio che le immagini video live delle operazioni su schermi giganti, allo stesso modo sarà allestita anche  una Unita Mobile di Coordinamento nei pressi del campo volo. Tutti voli effettuati saranno gestiti dall’Operativo Voli che registrerà ogni missione e sarà in grado di tracciare su mappa gli APR grazie ad un sistema realizzato appositamente da RDN. (Rescue Drone Network)

Collaborazione con la Protezione Civile e le altre istituzioni

Senza ombra di  dubbio le sperimentazioni e le attività di  addestramento hanno senso se condivise e coordinate con le diverse componenti del sistema di Protezione Civile e proprio per questo inizia la collaborazione con gli altri attori del sistema stesso per praticare l’integrazione necessaria.
Già in questa prima esperienza parteciperanno il Comune di Farini, i Vigili del Fuoco, la Croce Rossa italiana (con ambulanze fuoristrada, centrarle operativa mobile e unità cinofile) nonché squadre del Soccorso Alpino.
918 visite

Commenta:

Segui DronEzine sui social: